Link alla Homepage
Menu

Copertina Gennaio 2010La copertina del
mese
GLI ARTICOLI
PER CONOSCERE IL GRANDE SCULTORE

A Barberino gli
“Amici di Giuliano Vangi”

 

Qualche mese fa, a Barberino di Mugello, si è costituito il Gruppo di interesse culturale “Amici di Giuliano Vangi”. Il riferimento allo scultore barberinese di fama internazionale sta a significare il primo obiettivo del gruppo: “seguire” l’attività artistica del maestro Vangi e promuovere iniziative per farlo conoscere in maniera più completa anche a livello locale. Nel corso della riunione di costituzione del gruppo i presenti hanno concordato una prima serie di iniziative: la visita al laboratorio di Pietrasanta, già effettuata; un incontro con l’artista a Barberino per parlare di arte;  un incontro con l’associazionismo di Barberino per comunicare la disponibilità del nuovo Gruppo di Interesse a promuovere iniziative culturali per la comunità locale; la richiesta di un incontro con le Istituzioni pubbliche, ed in particolare con gli amministratori del comune di Barberino per valutare congiuntamente la fattibilità delle volontà espresse in più occasioni dal maestro Vangi di donare alcune opere artistiche alla sua comunità di nascita –che saranno collocate, su decisione della giunta, nel restaurato Palazzo Pretorio- e di realizzare a Barberino un Centro Culturale quale occasione di crescita culturale della comunità e luogo dove i giovani possano studiare, documentarsi, e praticare diverse espressioni artistiche: pittura, scultura, musica, fotografia, letteratura, favorendo così anche il loro successivo inserimento nel mondo lavorativo.

Il gruppo, che conta già oltre 50 iscritti,  è naturalmente aperto a nuove adesioni di cittadini di Barberino e del Mugello. Per ulteriori informazioni e contatti: Gian Piero Luchi gpluchi2003@yahoo.it: Paolo Menchetti ideafoto@libero.it; Anna Borgini anna.borgini@istruzione.it

  


Vangi, grande artista mugellano

 

Giuliano Vangi è nato a Barberino di Mugello. Ha vissuto gran parte della sua vita lontano dal paese d’origine soprattutto per la sua attività artistica e di insegnamento in Brasile, ad esempio, poi a Varese e a Pesaro dove tuttora risiede. A Barberino è tornato più volte ma solo per frequentare i suoi parenti barberinesi. Da alcuni anni si è riavvicinato idealmente e fisicamente alla comunità d’origine allacciando intensi rapporti con il sindaco Luchi, quale primo rappresentante della comunità locale, che ha sempre chiamato alle inaugurazioni delle sue mostre personali in Italia e nel mondo: Pietrasanta, Padova, Milano, Parma, il Giappone, prospettando la sua disponibilità per alcune iniziative di carattere culturale a favore del paese natale.

Giuliano Vangi è oggi uno dei massimi artisti contemporanei a livello internazionale. Innumerevoli sono le sue opere in Italia e all’estero, per esempio nei Musei Vaticani, in Palazzo Madama a Roma, nella Cattedrale di Padova, nel Duomo di Pisa, nella Chiesa di Padre Pio a S.Giovanni Rotondo, in Corea, in Giappone. Massima è la sua considerazione da parte della critica e del pubblico.

In Giappone, ad esempio, gode di una fama e di un apprezzamento del tutto particolari: insignito del prestigioso “Premium Imperiale” (una specie di premio Nobel giapponese) per la scultura nel 2002, a lui è stato dedicato un intero museo-giardino di oltre 30.000 mq.:  il Museo Vangi di Mishima che ospita circa cento opere di vari materiali: bronzo, marmo, legno e disegni. Opere nelle quali si incontrano e si fondono in un linguaggio del tutto originale la sua cultura e il suo vissuto. E’ la prima volta che il Giappone dedica un intero museo ad un artista straniero vivente.

Vangi è diventato così messaggero di cultura nel mondo. La sua attività artistica ha dato lustro al paese d’origine. Ha diffuso il nome e la conoscenza di Barberino di Mugello a livello internazionale. Per questo l’Amministrazione Comunale gli ha conferito nel 2007 la massima onorificenza del comune: il Barba d’Oro, come giusto omaggio alla sua opera. In quella occasione Vangi ha annunciato il suo proposito di donare alla comunità barberinese alcune opere e ha proposto la realizzazione di un Centro Culturale quale occasione di crescita culturale della comunità e luogo dove i giovani possano studiare, documentarsi e praticare diverse espressioni artistiche: scultura, pittura, musica, letteratura, favorendo così anche il loro successivo inserimento nel mondo lavorativo.

 

 

© il filo, Idee e notizie dal Mugello, dicembre 2010

Cerca in questo sito gli argomenti sul Mugello che ti interessano powered by FreeFind
Copyright © 2006 - Best viewed with explorer - webmaster Stefano Saporiti contatti: info@ilfilo.net, Tel. 333 3703408