Link alla Homepage
Menu

Copertina Gennaio 2010La copertina del
mese
GLI ARTICOLI

INAUGURAZIONE DEI LOCALI PARROCCHIALI A SCARPERIA

La parrocchia restaurata

 

441 giorni di lavori e 36 km di filo elettrico, oltre a 144 porte e finestre, 83 scalini, 980 metri quadri di pavimento e molto altro ancora: questi sono alcuni numeri dei lavori che hanno coinvolto i locali pastorali a Scarperia, nella Parrocchia dei SS. Jacopo e Filippo, che l’8 dicembre saranno inaugurati.

Un intervento di ristrutturazione importante, infatti, ha coinvolto l’intero complesso adiacente alla chiesa, sia per la cura e la manutenzione rese necessarie nel tempo, sia per poter offrire alla comunità e al paese dei locali maggiormente funzionali per iniziative pastorali, ma anche culturali, di incontro e di socializzazione.

I lavori sono stati guidati dai sacerdoti don Simone Pestelli e don Enrico Banchini che, dal 2006, sono responsabili, in un’unità pastorale, delle parrocchie di Scarperia, Sant’Agata e Fagna.

Nell’intero complesso circostante il chiostro è stata risistemata una casa per i parroci e alcuni uffici per lo svolgimento delle attività quotidiane; inoltre, sono stati ristrutturati tutti gli spazi restanti per ulteriori iniziative e attività, intorno alle quali vive la comunità scarperiese: riunioni, incontri di formazione e catechesi, dibattiti, archivistica, ospitalità di piccoli gruppi e, in futuro, perché no?, mostre, eventi culturali, convegni, iniziative interparrocchiali, eventi a scopo benefico, ritiri spirituali e quanto altro si ritenga utile e interessante organizzare per la collettività.

L’intero complesso sarà inaugurato mercoledì 8 dicembre, il giorno dedicato alla Madonna, come a volerLe affidare il volto di una Parrocchia che si rinnova: le attività presenti e future, le persone che oggi la animano e la curano, i bambini e le famiglie che vi si ritrovano, così come quelle che in futuro verranno; per chi negli anni vi abiterà e per tutti quelli che, cercando, potranno trovare in quelle stesse stanze, entro quelle stesse mura che oggi odorano di nuovo, ristoro, conforto, accoglienza, ospitalità.

L’evento inaugurale avrà inizio alle ore 11, con la S. Messa; a seguire, la cerimonia di benedizione dei locali e un momento di convivialità per quanti interverranno. L’intero complesso resterà aperto per tutta la giornata e potrà essere visitato liberamente.

Molte le risorse finora impiegate, che, tuttavia, coprono solo in parte la spesa necessaria, che, secondo una stima approssimativa, si aggirerà intorno ad 1 milione di euro. Esse derivano dall’eredità lasciata dal parroco precedente, Don Tommaso Pizzilli, dai fondi dell’8xmille della CEI, dalle donazioni di privati che finora hanno mostrato la loro crescente generosità e dall’accensione di un mutuo decennale. Contribuire alla spese non solo è possibile, ma potrebbe essere il segno tangibile di una Chiesa che è unita nel sostegno di iniziative finalizzate alla sua crescita e al suo miglioramento, nonché alla manutenzione di un bene architettonico per tutta la collettività.

Letizia Materassi

 

 

 

© il filo, Idee e notizie dal Mugello, dicembre 2010

Cerca in questo sito gli argomenti sul Mugello che ti interessano powered by FreeFind
Copyright © 2006 - Best viewed with explorer - webmaster Stefano Saporiti contatti: info@ilfilo.net, Tel. 333 3703408