Link alla Homepage
Menu

Copertina Gennaio 2010La copertina del
mese
GLI ARTICOLI
EDITORIALE

Mugello col freno tirato

Non tira una bell’aria, dappertutto. Rivolte, violenze, guerre, e in casa nostra una situazione sociale ed economica che spaventa, insieme a una paralisi politica che disorienta indigna. Ma anche in Mugello, sul piano politico ed economico, le cose non son messe affatto bene.

Sembra quasi che si stia procedendo col freno a mano tirato. Con un livello di progettualità politica del tutto deludente, e con risposte concrete alle difficoltà assai carenti.

Erano pensieri che ci venivano alla mente nel leggere dell’ennesimo documento sottoscritto da sindaci e Provincia di recente. Risparmiamo ai nostri lettori un’antologia di questo testo, scritto in puro politichese. Ma al di là dei contenuti fumosi, il fatto stesso di elaborare e sottoscrivere, di “aprire tavoli”, senza poi, spesso, compicciare niente, senza far seguire scelte concrete alle chiacchiere, è uno degli elementi che fa allontanare i cittadini dalla politica e dalle istituzioni. Quanti “tavoli”, “patti”, “accordi di programma” sono stati sottoscritti e rimasti lettera morta. Senza mai neppur degnarsi di fare, alla scadenza, le necessarie verifiche su ciò che è stato realizzato.

La politica locale –e non solo locale viene da dire purtroppo- ha perso voce e cervello. Voce per proporre, per chiedere, per rivolgersi a cittadini e istituzioni superiori. Cervello per elaborare progetti, per individuare problemi e soluzioni, per discutere, valutare e decidere.

Mancano anzitutto luoghi di studio e di dibattito. Prima, bene o male, lo facevano nelle sezioni dei partiti, o nei circoli. Ora dove lo si fa? Davanti alla televisione? E non servono certo consigli comunali svuotati di passione e di competenze, o assemblee pubbliche sempre più sparute.

Mancano le idee, e manca purtroppo anche la passione disinteressata, e ci scusino per questo giudizio quei pochi che alla vecchia maniera si impegnano e sacrificano tempo ed energie all’interno delle istituzioni.

Ma anche le istituzioni hanno il freno tirato. Possibile che non si sia in grado di protestare, di mobilitarsi, o comunque di far sentire la propria voce, se ti tagliano, senza coinvolgerti, decine di corse di autobus, o se fanno correre sulla Faentina treni inadatti o che fanno schifo? Possibile tacere se una società pubblica incaricata di realizzare le case popolari, da oltre tre anni non è riuscita a metter su il cantiere per fare venti appartamenti sociali a Borgo San Lorenzo –e far girare quasi un milione e mezzo di euro, di questi tempi, non farebbe male neppure all’economia locale-? Possibile che da dieci anni Bilancino, che ci avevano raccontato essere volano di sviluppo, occasione di attrazione turistica, sportiva ed economica, è lì, sempre più vuoto di iniziative, con tanti impegni clamorosamente disattesi, e i comuni mugellani non muovono un dito? Possibile tacere se società pubbliche diventano vessatorie con tariffe sempre più alte e servizi scadenti, in importanti settori come acqua e rifiuti? E dov’è la progettualità, dove sono le proposte? Da anni a Borgo si sa che c’è urgente necessità di una nuova scuola elementare, e non si è stati ancora capaci di decidere dove farla.

Certo, ognuno ha la classe politica che si merita. E non solo perché alla fine i partiti che ci governano, ad ogni livello, li ha votati la maggioranza dei cittadini. Ma anche e soprattutto perché non è che il livello della cosiddetta società civile sia da considerare migliorare rispetto alla classe politica. E’ vero. La politica oggi è particolarmente impegnata a tener lontana la gente –basti pensare che non si può più nemmeno scegliere con il proprio voto di preferenza la persona da eleggere-; ma anche noi, gente comune, quanta voglia, quanta disponibilità abbiamo nel dare un contributo di partecipazione, di idee e di presenza nella vita pubblica?

 

 

 

© il filo, Idee e notizie dal Mugello, marzo 2011

Cerca in questo sito gli argomenti sul Mugello che ti interessano powered by FreeFind
Copyright © 2006 - Best viewed with explorer - webmaster Stefano Saporiti contatti: info@ilfilo.net, Tel. 333 3703408