Link alla Homepage
Menu

La copertina di questo mese
La copertina di questo mese
Articoli
Arte - cultura
ALLA SCOPERTA DELL’ARTE MUGELLANA
San Gavino Adimari
e la sua Pieve
La Pieve di San Gavino Adimari a Barberino di MugelloSeguendo da Barberino di Mugello la statale della Futa si incontra, dopo pochi chilometri, la pieve di San Gavino Adimari, edificio che merita senza dubbio una visita. La chiesa di San Gavino, con le sue venti chiese suffraganee rappresentava una delle più importanti pievi della zona ed è ricordata per la prima volta in un documento del 1037, ove è citato un luogo detto "Alberetula", nel piviere di San. Gavino Adimari. Nel 1262 la pieve conobbe probabilmente un parziale rifacimento, al quale sembrava riferirsi una scritta posta sull'architrave della porta della facciata: A.D. MCCLXII MENSE JULII FUIT INCEPTA.

Sullo scorcio del XV secolo la pieve passò sotto il patronato dei Medici, il cui stemma è ancora visibile sulla sommità della sua facciata. In seguito al rovinoso terremoto del 1542 la chiesa fu restaurata e, probabilmente, ripristinata utilizzando (a detta del Repetti e del Niccolai) materiali recuperati dalla vicina chiesa di San Martino Adimari. Nel XVIII secolo la chiesa, che aveva avuto nella metà dei Cinquecento Benedetto Varchi come commendatario, fu interessata ad una vasta campagna di restauri, che ne mutò radicalmente l'aspetto, soprattutto all'interno.

Esternamente l'edificio si presenta con una facciata a capanna, sulla quale si apre una porta d'ingresso ed una finestra dalle linee settecentesche, posta entro una cornice circolare che segna probabilmente il perimetro di un ampio precedente rosone poi occluso. Costruita con piccole e regolari bozze di alberese con inserzioni di serpentino, la chiesa è conclusa da una scarsella rettangolare sulla quale si erge il poderoso campanile. L'interno della PieveL'interno presenta l'aspetto che gli fu dato nel XVIII secolo e costituisce un interessante e prezioso esempio di decorazione di gusto "rococò", avvertibile in modo particolare nei capitelli dei pilastri che dividono la navata centrale dalle due laterali, negli archi che si aprono nella pareti perimetrali e nell'altare maggiore, tutti elementi dotati di decorazioni eleganti e leggere. Di rimarchevole importanza è anche l'organo, risalente al quarto decennio del Settecento, realizzato dall'organaro pistoiese Pomposi, la cui cantoria in legno intagliato fu eseguita da Francesco Nardini da Barberino, al quale spettano anche i bei confessionali ed i mobili della sacrestia (Niccolai, Becattini-Granchi, 1985). L'arredo della chiesa è dotato anche di dipinti realizzati dal pittore Gaetano Neri, mentre un ulteriore dipinto raffigurante la SS. Annunziata spetta a Cinzio Botti.

Sulla parete della navata sinistra, in prossimità della scarsella, è murata una grande lastra in pietra, al centro della quale è scolpito lo stemma della famiglia Alberti, affiancato da due draghi alati. La cornice del rilievo, probabilmente una lastra tombale, è composta da una serie di piccole colombe, il tutto realizzato con modi di intonazione marcatamente arcaica.

La pieve di San Gavino costituisce quindi una valida testimonianza di due differenti, e cronologicamente distanti, fasi dell'arte fiorentina: le strutture esterne ed il campanile risalgono malgrado le varie fasi di rifacimenti, ad epoca medievale (la critica ha, fra l'altro, evidenziato come la struttura della chiesa richiami quella della non lontana pieve di sant'Agata), mentre l'interno rappresenta un valido episodio di elegante arte settecentesca.

Marco Pinelli

© il filo, Idee e notizie dal Mugello, Luglio-agosto 1990
 
Cerca in questo sito gli argomenti sul Mugello che ti interessano powered by FreeFind
Copyright © 2006 - Best viewed with explorer - webmaster Stefano Saporiti contatti: info@ilfilo.net, Tel. 333 3703408