Link alla Homepage
Menu

La copertina di questo mese
La copertina di questo mese
Turismo cultura
I luoghi notevoli di Borgo San Lorenzo
 

I LUOGHI DI BORGO SAN LORENZO

Torna all'elenco dei luoghi di Borgo San Lorenzo

 

La Villa e l’Oratorio di Valdastra

A sinistra, percorrendo la strada di Cardetole, proseguendo per la strada che si sviluppa in una vasta tenuta agricola la cui attività primaria è costituita dall’allevamento di bovini (proprietà dei Sigg. Borgioli), si raggiunge la Villa di Valdastra* situata su un dolce pendio dal quale si gode di un bella veduta di San Piero a Sieve.

Non sono certe le origini della villa né si conosce l’anno della sua costruzione.  Si sa che fu antica fattoria dei Servi di Maria del Montesenario il cui simbolo si trova sull’architrave di una porta d’ingresso. Anche uno stemma mediceo appare sul frontone di un camino, ma non se ne possono attestare autenticità e provenienza.

In seguito alla legge sull’incameramento dei beni ecclesiastici da parte dello Stato, del 15 agosto 1867, la villa veniva requisita dal demanio che la rivendeva l’anno successivo a un signore del luogo.

L’interno rispecchia la tipologia di molte altre residenze signorili mugellane con ampi saloni riccamente decorati, portali e camini in pietra recanti gli stemmi di an-tiche casate, fra i quali quello già citato dei Medici.  Alcuni soffitti sono a cassettoni di legno intarsiato e dipinto con motivi floreali.  Anche le travi sono lavorate e decorate.  In altre stanze, pareti e soffitti sono finemente decorati con motivi in stile Liberty, alla maniera dei Chini, ma la loro autenticità non è provata.  Attribuiti a Galileo Chini sono invece due cigni speculari in un laghetto di ninfee che si trovano sopra la vetrata di una delle sale.

L'Oratorio di Valdastra. Foto di Massimo CertiniNelle immediate adiacenze della villa si trova l’Oratorio di S. Maria di Valdastra, celebre un tempo per la devozione alla Madonna da parte degli abitanti del luogo e di pellegrini che vi giungevano anche dalla Romagna.

Di notevoli dimensioni, ha un loggiato sorretto da eleganti arcate poggianti su colonne di stile michelozziano, che corre su tre lati.  Il pavimento, sotto il quale riposano le spoglie di due monaci e di una nobildonna, è in elementi di cotto che formano un semplice ma originale disegno.

All’interno, la cupola della cappella maggiore, dedicata alla Madonna del Rosario, affrescata nel 1824 da Pietro Alessio Chini rappresenta l’Eterno in gloria fra Angeli e Cherubini, e sulla fascia di raccordo sottostante si possono vedere le immagini monocromatiche della Immacolata Concezione, dell’Annunciazione, della Visitazione e dell’Assunzione.  Ai lati dell’altar maggiore, scolpito nel 1689, si trovano altre due figure in monocromia raffiguranti due Beati dell’Ordine dei Serviti.  Sugli altari delle cappelle laterali, anch’esse finemente decorate dai Chini,  vi erano bei dipinti che attualmente sono in restauro.

(Di proprietà privata, è visibile solo dalla strada. Tel. 055 845 79 30).


© Notizie tratte da il volume "Il Mugello" di Massimo Certini e Piero Salvadori (ed. Parigi & Oltre, Borgo San Lorenzo, 1999)
Cerca in questo sito gli argomenti sul Mugello che ti interessano powered by FreeFind
Copyright © 2006 - Best viewed with explorer - webmaster Stefano Saporiti contatti: info@ilfilo.net, Tel. 333 3703408