Link alla Homepage
Menu

Copertina luglio-agosto '08
La copertina del mese
GLI ARTICOLI
testimonianze

Se la fede usa il pennello

Le sacre icone di Bencini 

Federigo Bencini nel suo studio (Foto Tassini – Borgo San Lorenzo)Federigo Bencini, noto maestro fotografo negli anni ’70 ed ’80 (quante immagini di Bencini in libri di storia e di costume del Mugello e dell’Alto Mugello!) da qualche anno, nel suo piccolo studio ubicato nel Rione di Santa Lucia, rispolverando una sua vecchia passione, ha intrapreso la difficile ma nobile attività artistica del dipingere le rappresentazioni sacre ovvero le “Icone”, alla maniera bizantina. Tempo indietro passando sovente davanti allo studio ed osservando Bencini al cavalletto, contornato com’era da Santi e Madonne, gli confessammo il nostro stupore, conoscendo la sua storia sociale e politica.

Come sai Aldo, -mi rispose Bencini- io non ero proprio un miscredente ma quasi, agnostico, indifferente, anzi e non lo nascondo, non ero parco nemmeno di parolacce irriguardose verso quello che era il mondo della religione e del sacro. Poi con la scomparsa in ancora giovane età di mia moglie, che ho sentito moltissimo, e la conoscenza di altri amici mi si è aperta un’altra realtà, a poco a poco mi si sono aperti altri orizzonti. Bencini, mentre sulla tela dipinge un tabernacolo mugellano, continua: “Un giorno andai ad Assisi, più per curiosità che altro, ma da quel giorno dopo aver conosciuto e compreso quello che era stato nella vita Francesco d’Assisi, sono cambiato, credo, prego e non me ne pento. Tutt’altro; sono sereno e felice.

Il Trebbio fotografato da BenciniLa scoperta poi dell’arte e più specificatamente delle icone, dove misticismo e cristianità si fondono in maniera mirabile, mi hanno dato una spinta notevole e anche se l’età non è più verde e la stanchezza degli anni si fa sentire, anche per la salute malferma, il tempo che trascorro nel mio piccolo studio dipingendo i volti della Madonna e del Redentore ed altri soggetti, mi dà serenità. In questa mia passione - termina Bencini - cerco anche di aiutare il prossimo donando alcune mie opere per beneficenza e per solidarietà. In questi ultimi tempi ho avuto la grande soddisfazione di sapere che le icone donate ad Enti ed Associazioni di Volontariato e ad Istituti privati, sono state vendute con il ricavato che è servito a sopperire a vari bisogni sociali, e questo mi fa estremamente felice“.

Al termine vorrei ringraziare pubblicamente l’amico Federigo. Primo, per la sua testimonianza di fede, e poi per la sua generosa gentilezza. Conoscendo infatti la mia passione per la fotografia e per la documentazione fotografica, lo scorso anno con una semplicità davvero...francescana, mi fece dono di tutto il suo patrimonio fotografico che aveva realizzato nel corso degli anni. Un dono preziosissimo (da Faltona a San Giovanni Maggiore, da Cafaggiolo al Trebbio, da Monterezzonico a Valdastra, da Olmi a Montefloscoli, da San Carlo a Fagna) che custodiremo con particolare attenzione poiché un giorno resterà a disposizione di tutti gli amanti dell’arte fotografica sul Mugello.  

 

 Aldo Giovannini

© il filo, Idee e notizie dal Mugello, luglio-agosto 2008

Cerca in questo sito gli argomenti sul Mugello che ti interessano powered by FreeFind
Copyright © 2006 - Best viewed with explorer - webmaster Stefano Saporiti contatti: info@ilfilo.net, Tel. 333 3703408