Link alla Homepage
Menu

La copertina di questo mese
La copertina di questo mese
Articoli Società
Opere Pubbliche
Bilancino: rischio speculazione?

"Vendita lotti 1000 mq.": si cominciano a vedere cartelli di questo tipo nelle aree intorno a Bilancino. Dopo anni di cantiere, di viabilità in costruzione, di camion e polemiche, aver visto il lago "vero" -peraltro ancora sotto i suoi livelli medi, ed ora nuovamente, per l'ultima volta, semivuoto,- ha "stuzzicato" i primi interessi economici. E c'è già chi pensa di tramutare in oro i terreni che circondano il lago.

"Attenzione alle speculazioni edilizie, ed anche agli specchietti per le allodole -avverte però il vicesindaco di Barberino, nonché assessore all'urbanistica, Alberto Lotti-. Facciamo chiarezza subito, a beneficio di tutti, per evitare furberie: il regolamento edilizio e il piano di fabbricazione già prevedono una zona protetta di riva lago, che comprende un'ampia fascia intorno al bacino, di massima tutela ambientale, ed è proprio nella zona dove è stato piantato quel cartello. Nell'area protetta la normativa è chiara: nessuna costruzione, di alcun genere, è ammessa: né un deposito di attrezzi, né rimessaggi, e neppure movimenti di terra. Prima di acquistare dunque i cittadini verifichino bene e pretendano i certificati di destinazione urbanistica per verificare tutti i vincoli esistenti." Non solo: Lotti invita a non illudersi su varianti future: "Non si pensi -ammonisce- di creare situazioni per condizionare le scelte urbanistiche. Non abbiamo alcuna intenzione di ripetere gli errori di Monti, una zona dove negli anni '70 furono venduti piccoli appezzamenti di terreno, con la prospettiva di realizzarvi un villaggio, cosa che non è avvenuta. Sorsero invece numerose baracche, una parte delle quali sanate con il condono edilizio: ne è venuta fuori comunque una zona disordinata, senza strade, luce, fognature, e non permetteremo che lo stesso accada a Bilancino".

Ciò, continua il vicesindaco, non significa immobilismo, né che intorno al lago niente sia possibile fare: "Ci sono ben sette zone, già delimitate, che prevedono parchi, aree turistiche, sportive e ricreative. Aree vaste, pubbliche e private, utilizzabili attraverso appositi piani particolareggiati. Chi ha proposte e iniziative si faccia avanti: ora ci sono le condizioni e le garanzie di fruibilità del lago che prima non c'erano: l'invaso è divenuto davvero un lago, 112 ettari intorno a Bilancino sono stati dati in concessione al Comune e si prepara il disciplinare per l'uso dell'acqua. Ciò significa aprire la strada ai progetti di uso delle sponde, a cominciare dalle aree già previste, senza escludere altre eventuali zone, ma solo qualora ne sia dimostrata la necessità".

Un ultimo avvertimento arriva da Lotti: abusi non saranno tollerati. "Attiveremo tutti gli organi di controllo affinché svolgano un controllo mirato e attento intorno al lago. Non sarà tollerato neppure un mattone in più".


 

BARBERINO - Dopo il primo "assalto" estivo alle sponde di Bilancino, da parte di bagnanti e surfisti da week-end, si comincia a pensare seriamente al business. E sono in molti a pensare al da farsi. Per adesso il progetto più gettonato, ed anche più banale, è quello di sistemare in quealche punto strategico una bancarella. C'è chi vorrebbe vendere cocomero, chi piadine, bibite e panini, per soddisfare sete e fame dei frequentatori delle sponde dell'anno 2000. Ma non mancano neppure i progetti più ambiziosi, alcuni seri, altri piuttosto originali. Tra i primi c'è da ricordare quelli del Club Nautico Mugello, che vorrebbe gestire il molo per le imbarcazioni a vela e per le canoe, e pensa anche ad un rimessaggio a scuola di vela e ad una country house sulle sponde del lago. Ma c'è anche chi accarezza l'idea di avere un permesso per costruire un ristorante galleggiante in mezzo al lago, e chi vorrebbe installare speciali motori per creare onde artificiali, effetto mare. Qualcuno ha pensato perfino a una barca ristorante che circumnavighi il lago: sali e cominci con gli antipasti, e finito il giro completo sei al caffè.

Ancora c'è chi progetta di fare un campeggio, magari galleggiante, perché sarebbe più esclusivo, e chi, con meno fantasia, vorrebbe un'area in concessione per realizzarvi una scuola sub. Non ci saranno cernie e murene da ammirare, ma i pesci non mancheranno lo stesso: tra le proposte anche quello di usare Bilancino per allevamenti ittici.


 

BARBERINO - Ma quali sono le aree destinate ad ospitare servizi e attività economiche intorno a Bilancino? Il piano di Fabbricazione del comune ne prevede almeno sette. A Sodere-Nebbiaia è previsto verde attrezzato, a Gabbianello - Bosco Tondo sarà realizzato un parco per uccelli acquatici, con le relative strutture, mentre la zona di Cavallina-Latera sarà tra quelle di più intenso sviluppo prevedendo l'unica "spiaggia" del lago, con un'area a destinazione turistico-sportiva-ricreativa. Lo stesso per la zona intorno a villa Il Palagio, mentre l'intervento più grande è disegnato sulle carte nella zona di Andolaccio - Servallino, dove si vogliono impiantare strutture per sport acquatici, una grande area per spettacoli all'aperto e mostre, strutture turistiche e ricreative. Ancora: nella zona di Bellavista gli amministratori comunali barberinesi vorrebbero sorgesse una struttura sportiva a carattere comprensoriale, mentre un'altra area di tipo turistico è ubicata presso il torrente Sorcella, in direzione di Galliano, area all'interno della quale si prospetta un teatro di verzure all'aperto e dove si trova il grande cancello di villa Le Maschere, spostato dalla postazione originaria. © il filo, Idee e notizie dal Mugello, ottobre 1999   - tratto da La Nazione, 28 settembre 1999

Cerca in questo sito gli argomenti sul Mugello che ti interessano powered by FreeFind
Copyright © 2006 - Best viewed with explorer - webmaster Stefano Saporiti contatti: info@ilfilo.net, Tel. 333 3703408