Link alla Homepage
Menu

La copertina di questo mese
La copertina di questo mese
Articoli
Natura
UN IMPORTANTE PROGETTO TURISTICO-ARCHITETTONICO A FIRENZUOLA

Recuperare Castiglioncelli?

La grande cascata del Rio Canaglia presso Castiglioncelli - FirenzuolaC’è un luogo straordinario in Appennino, al confine tra Toscana ed Emilia Romagna: è montagna ma vi cresce la macchia mediterranea, è un borgo medievale da molti anni abbandonato, e nei pressi vi è una magnifica cascata. Un luogo, Castiglioncelli, nel comune di Firenzuola,  che potrebbe tornare a nuova vita, se troverà concretezza il progetto di recupero presentato dalla proprietà.

Castiglioncelli era balzato agli onori delle cronache qualche anno fa, sede di un paio di raduni hippy. Ma nel suo futuro c’è il turismo di qualità. Un intervento da non meno di 15 miliardi di lire, perché il paesino, arroccato su uno sperone di roccia, poco distante dalla frazione di Moraduccio, è abbandonato da quasi 40 anni, e il tempo e le intemperie hanno esercitato i loro effetti distruttivi, per non dire del depredamento ad opera di ladri alla ricerca di pietre, portali e stipiti. Ma l’impianto urbanistico resta, l’architettura rurale mantiene il suo fascino e i suoi elementi, immersa in un’oasi boschiva di oltre 200 ettari. Così il progetto dell’Azienda Agricola Castiglioncelli, una società con sede a Riccione, di proprietà di due italiani che operano in Germania, prevede di intervenire su 13 mila metri cubi, una quarantina di alloggi, che consentiranno di disporre di 120-130 posti, a destinazione residenziale e turistica. L’obiettivo non è quello di fare un villaggio moderno, ma di ricreare il fascino del borgo medievale, recuperando strade ed edifici, compresa la vecchia chiesa, che diventerà uno spazio pubblico.

Per l’avvio concreto dell’iniziativa si conta sull’inserimento nel Progetto europeo dei Villaggi d’Europa, finalizzati alla promozione di un turismo particolare, di coloro che non amano i villaggi turistici prefabbricati, ma cercano ospitalità negli antichi borghi abitati. E a Castiglioncelli guarda anche, visto il suo sorprendente microclima, e il suo ambiente totalmente preservato, un importante gruppo di produttori biologici a livello nazionale. Ambiente preservato e di gran fascino: il paesino è a mezza costa, su uno sperone di roccia, e lo dividono dalla statale Imolese le acque del Santerno,Il Santerno presso Castiglioncelli e la grande cascata attraversabile solo con un piccolo ponte. Poi la strada finisce, e ai ruderi del borgo ci si arriva soltanto a piedi, o con un fuoristrada. E vicino c'è quella magnifica cascata, uno spettacolo che in zona non ha uguali.

Da parte dell’amministrazione comunale, naturalmente, c’è grande disponibilità: “Il recupero di Castiglioncelli –dice il sindaco di Firenzuola Renzo Mascherini- rappresenterebbe un fatto di grandissimo interesse. E da parte nostra siamo pronti a dare il via alle necessarie varianti, anche per la costruzione di nuovi volumi che favoriscano la concretizzazione dell’iniziativa”.

Paolo Guidotti

il filo, Idee e notizie dal Mugello, gennaio 2000
Cerca in questo sito gli argomenti sul Mugello che ti interessano powered by FreeFind
Copyright © 2006 - Best viewed with explorer - webmaster Stefano Saporiti contatti: info@ilfilo.net, Tel. 333 3703408