Link alla Homepage
Menu

La copertina di questo mese
La copertina di questo mese
Articoli
sport

TRA UN MESE PASSERA’ DALLE NOSTRE STRADE IL GIRO D’ITALIA

Il Mugello in maglia rosa

C’è grande attesa in tutto il Mugello, per gli sportivi in generale e gli appassionati di ciclismo in particolare per il passaggio del Giro d’Italia, martedì 20 maggio, in occasione della decima tappa, da Montecatini a Faenza. Gli atleti percorreranno le strade di Barberino di Mugello, San Piero a Sieve, Borgo San Lorenzo, Marradi e Brisighella, ma anche gli altri comuni mugellani saranno coinvolti (sono in programma anche alcune iniziative culturali ed espositive).

Quel giorno le nostre strade saranno pacificamente invase da un esercito di appassionati e tifosi, e chissà sulle rampe della Colla quale bellissimo spettacolo variopinto caratterizzerà questo significativo evento sportivo. L’ultima volta che il “Giro” transitò da Borgo San Lorenzo fu nel 1979, e anche allora fu grande festa nel nostro Mugello, così come è sempre stato.

La storia ciclistica ci ricorda che nel marzo 1899 giunge dalle Salaiole una gara ciclistica (la prima in assoluto nel Mugello), che vide tagliare il traguardo a Borgo il noto “velocipedista” Tullio Fontana, che poi doveva andare in giro in bicicletta per il mondo; l’11 dicembre 1900 un ciclista borghigiano, Alfredo Bonanni, sergente del 67° Fanteria a Treviso vinse la gara Teviso-Mestre di 42 km; il 16 agosto 1903 in occasione delle feste patronali a Borgo San Lorenzo si tenne una gara dall’attuale piazzale Curtatone e Montanara, fino al piazzale della stazione ferroviaria: vinse un fiorentino, Angiolo Berchieri. Poi, dopo altre gare, ecco nel 1907 la fondazione del Club Ciclo Appenninico, seconda società più antica in Toscana, addirittura la quattordicesima in tutt’Italia. Il ciclismo si diffonde e delle gare, con tanti atleti mugellani, si perde il conto.

Ma mi si consenta di ricorda un episodio a me caro, avvenuto il 10 maggio 1933, quando da Borgo San Lorenzo, e diretto verso Vicchio, passò il Giro d’Italia. A quell’epoca il dualismo sportivo, tra i tifosi, era tra i due grandi campioni Binda e Guera e mio padre, Amilcare Giovannini, non ancora ventenne ma già dirigente del C.C. Appenninico, collocò tra via Giotto e via Pananti un grande striscione inneggiante a Binda (nella foto). Ma dato che l’”avvocatino” non aveva chiesto il permesso alle autorità municipali, fu denunciato e condannato 89 lire di multa dal Regio Pretore Giovangualberto Alessandri, nonostante la difesa dell’avvocato Carlo Berretti, legale che diverrà poi presidente sia del CC Appenninico che della Fortis Juventus 1909.

Buon Giro d’Italia a tutti!

Aldo Giovannini 

© il filo, Idee e notizie dal Mugello, aprile 2003

Cerca in questo sito gli argomenti sul Mugello che ti interessano powered by FreeFind
Copyright © 2006 - Best viewed with explorer - webmaster Stefano Saporiti contatti: info@ilfilo.net, Tel. 333 3703408