Link alla Homepage
Menu

La copertina di questo mese
La copertina di questo mese
Articoli
Natura

FAUNA SEMPRE PIÙ RICCA

NEI NOSTRI AMBIENTI NATURALI

Cormorani in MugelloUn cormorano in un laghetto mugellano

Si parla da tempo sui giornali del ritorno di alcune specie animali in aree dalle quali erano scomparse da anni; i casi più eclatanti sono ad esempio quelli del lupo o del cervo. Se questa reintroduzione spontanea è possibile per i mammiferi, ancora più facile e rapida è la ricomparsa di certi tipi di uccelli.

E' il caso del cormorano comune (Phalacrocorax carbo), un uccello piuttosto grande (arriva a pesare fino a tre chili e mezzo per oltre 90 centimetri di lunghezza), diffuso in tutto il globo (ad eccezione delle regioni polari), parente abbastanza stretto dei più famosi pellicani con i quali condivide la passione per il pesce. Il suo piumaggio nerastro non è molto appariscente, senza differenze tra maschi e femmine; solo i giovani fino ai tre anni, età in cui avviene la maturazione sessuale, si distinguono per il ventre bianco e le penne brunastre. Caratteristico è invece il becco lungo e sottile con la tipica punta adunca. In acqua galleggia con il becco rivolto in alto tuffandosi frequentemente e riemergendo per ingerire il pesce afferrato durante l'immersione; in volo il collo e la testa sono tesi (a differenza ad esempio degli aironi), il corpo si prolunga nella coda rigida e le ali aperte formano così una croce.

In Mugello non erano presenti in passato, se si eccettua qualche raro esemplare di passaggio che si fermava per rifocillarsi in prossimità di uno stagno, mentre da alcuni anni è possibile osservarne una colonia sempre più numerosa che attualmente consiste in oltre un centinaio di esemplari.

I cormorani trascorrono primavera ed estate altrove, nelle zone assai più ricche di nutrimento del nord Europa dove nidificano in folte comunità su grandi alberi frondosi in prossimità di estuari, lagune e coste. Qui da noi trovano invece conveniente trascorrere le stagioni fredde; arrivano in ottobre-novembre e se ne vanno a fine marzo. E' possibile osservarli con facilità di prima mattina quando partono dalla zona di Bilancino nella quale trascorrono la notte e si recano nelle zone di pesca sorvolando in formazione a V la Sieve a gruppi di qualche decina di elementi. Spesso, quando le acque sono chiare, si fermano nella zona di Sagginale - Forconi, altrimenti cercano laghi ricchi di pesce. Dopo alcune ore percorrono il tragitto inverso in gruppetti più piccoli, dato che alla pesca è dedicata solo parte della giornata. Il loro piumaggio, infatti, non è impermeabile, essendo i cormorani privi della secrezione prodotta dalla ghiandola dell'uropigio; per questo tuffandosi si bagnano e devono trascorrere il resto del giorno posati su rocce, pali od alberi in prossimità dell'acqua con le ali aperte e le penne arruffate ad asciugarsi.

Il cormorano è un uccello protetto, ma la sua voracità gli sta procurando sempre più numerosi nemici tra i pescatori e gli allevatori di pesce, tanto che di recente un'associazione sportiva ha raccolto 35.000 firme a sostegno di una petizione contro la proliferazione di questi uccelli. La commissione europea che ha esaminato la questione ha risposto all'inizio di gennaio e, considerato lo stato di conservazione favorevole di questa specie e valutati gli ingenti danni economici che procura, ha dato facoltà alle autorità nazionali e regionali di intervenire in deroga al regime di protezione per limitare, ove ve ne fosse bisogno, la popolazione di cormorani. In effetti il prelievo ittico è notevole; se è vero che ogni esemplare mangia quotidianamente 500/600 grammi di pesce, si può calcolare che in sei mesi di permanenza nel Mugello una comunità di 100 cormorani ne divora all'incirca 9.000 chilogrammi, in prevalenza cavedani. Almeno questo è un segno che la Sieve ed il bacino circostante sono in buona salute, con acque ricche e pescose!

Renato Costi

© il filo, idee e notizie dal Mugello, febbraio1998

NATURA IN MUGELLO
vedi anche:

IL GRUCCIONE

IL MERLO ACQUAIOLO

ALBERI MONUMENTALI

IL LUPO

L'AIRONE CENERINO

LA NATURA D'INVERNO

ORCHIDEE IN MUGELLO

LE ACQUE MINERALI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca in questo sito gli argomenti sul Mugello che ti interessano powered by FreeFind
Copyright © 2006 - Best viewed with explorer - webmaster Stefano Saporiti contatti: info@ilfilo.net, Tel. 333 3703408