Link alla Homepage
Menu

La copertina di questo mese
La copertina di questo mese
Articoli
Personaggi
DAMIANO MANTI

LE PENITENZE DEL PIEVANO

 

Messer Damiano Manti, "uomo di lettere" di vita esemplare, notaio, sacerdote del 1500, in seguito alle recenti celebrazioni savonaroliane, è diventato il Pievano più famoso della Pieve di Borgo San Lorenzo.
Invito a leggere il nuovo, recentissimo libro sul "Monastero di santa Caterina a Borgo San Lorenzo" (edito da Polistampa a cura del Comune di Borgo e della Regione Toscana) chi volesse saperne di più su questo singolare personaggio e sulla sua grande impresa di rimettere a posto la Pieve mezza rovinata e di costruire il monastero domenicano che è stato nel mese scorso al centro dell'interesse di studiosi e di amanti dell'arte e della storia locale.
Io ho pensato di tradurvi con parole semplici alcuni episodi (citati anche nel libro) tratti dalla Vita di Messer Damiano che si trova nel codice Strozziano e che fu a suo tempo riportata nel Bollettino storico-letterario del Mugello del 1893.

Sono tre brevi aneddoti che ci dicono abbastanza sul suo carattere.

Era un uomo di grande esempio. Ammaestrava il suo popolo con assidui sermoni che faceva nei giorni festivi, dicendo messa.Era successo già diverse volte che i poveri diavoli, ricchi solo di figliuoli, venissero da lui severamente rimproverati a causa della passione per il gioco.
"Non giocate a carte i denari che avete guadagnato nella settimana! Devono servire per dar da mangiare alla vostra famiglia! Questo è un abuso che Dio non sopporta!"
Per un po' smettevano, ma poi ci ricascavano e c'era subito chi andava dal Piovano a fare la spiata.."Giocano, giocano ancora, sor Piovano, non Le hanno dato retta!"
Allora messer Damiano cominciò a girare col suo chierico per le piazze di Borgo nelle ore che sapeva lui nei giorni festivi e anche qualche volta tra settimana e quando trovava dei giocatori gli toglieva le carte di mano . "Andate a lavorare!" gridava e strappava le carte o le buttava via.Andò a finire che, quando le vedevano apparire, c'era un fuggi fuggi generale: "leviamoci di qua, ecco il Piovano!"

Un anno successe che il giorno dopo la festa di San Lorenzo, mentre messer Damiano diceva messa, si trovavano in Pieve due cittadini fiorentini. Questi signori chiaccheravano fitto tra loro per tutto il tempo della messa, noncuranti delle occhiatacce che il Pievano saettava loro ogni volta che si voltava dall'altare. Messer Damiano resse la pazienza fino alla fine della Messa, poi, lasciate le vesti sacerdotali in secrestia, si avvicinò piano piano a quelli che ancora continuavano a parlare e dette un bel ceffone a uno di loro, dicendo: "Questo non è un luogo di ragionamenti, mentre si sta alla messa!"
E a quei signori non restò che chiedere umilmente scusa.

In occasione di un Carnevale capitò che sei uomini di Borgo avessero la brillante idea di mascherarsi da eremiti con tanto di croci e strumenti di penitenza.
Pronto, messer Damiano, il primo giorno di Quaresima disse dall'altare:" Quei tali che si sono mascherati da eremiti non si azzardino a confessarsi per Pasqua da altri sacerdoti all'infuori di me perchè non do il permesso a nessuno."
Così, quando tutti e sei andarono da lui a confessarsi ( altri tempi...) dette loro la penitenza di starsene la mattina di Pasqua fuori dalla porta di chiesa con una corda al collo per tutto il tempo che durò la prima messa, proprio quando c'era più gente.

E bravo messer Damiano: quelle sì che erano delle belle penitenze!
Altri tempi, altro timor di Dio...

Nicoletta Martiri Lapi

Cerca in questo sito gli argomenti sul Mugello che ti interessano powered by FreeFind
Copyright © 2006 - Best viewed with explorer - webmaster Stefano Saporiti contatti: info@ilfilo.net, Tel. 333 3703408