Link alla Homepage
Menu

La copertina di questo mese
La copertina di questo mese
Articoli
Dibattiti - Editoriali
L'EDITORIALE DI GIUGNO-LUGLIO 2001
Ambiente, rafforzare l’impegno

C’è un aspetto, tra i tanti, delle ultime elezioni, che ci ha fatto riflettere. Non temano i nostri lettori: non propineremo loro nessuna fumosa elucubrazione politica. Soltanto volevamo segnalare come il responso delle urne abbia praticamente annullato la presenza dei Verdi. E questo proprio in un periodo nel quale, tra mucche pazze, organismi geneticamente modificati, buchi dell’ozono, inquinamenti dei mari, l’allarme per lo stato di salute del pianeta è sicuramente alto.

Varie spiegazioni hanno dato i politologi di questa “estinzione” dei Verdi dalla scena politica. E del fatto in sé, in verità, non ci importa più di tanto. Quel che invece non può non interessarci è che insieme a una formazione politica non si estingua anche un’attenzione e un interesse verso un tema sicuramente decisivo.

Perché l’ambiente naturale è, come la vita umana, un dono prezioso e irripetibile. Che va apprezzato, mantenuto, salvaguardato. L’equilibrio della natura è fragile e delicato, e per questo dovremmo pensare alle conseguenze di ogni nostro atto sulla natura che ci circonda. A cominciare dalle cose più piccole, come usare l’auto quando non serve a gettare un mozzicone di sigaretta sulla spiaggia, o a lasciare una busta di plastica nel bosco.

Notiamo invece, nei nostri paesi, una vasta fascia di insensibilità verso questo tema: o meglio, una mancanza di educazione, di cultura.

Sì, perché prima di tutto si tratta di un elemento di cultura: cultura significa saper leggere e capire la realtà che ci circonda, e quando non siamo in grado di sentire nel cuore la gioia dell’acqua pura di sorgente, del camminare in mezzo a un bosco, dello scrutare i fondali marini pieni di vita, allora significa che siamo diventati ... di plastica, più ciechi e più sordi, insomma meno umani .

Segnaliamo questo aspetto nel numero estivo del “Filo” per varie ragioni: in primo luogo per invitare tutti coloro che avranno la ventura di andare in vacanza, di provare a guardare l’ambiente che li circonda con occhi attenti e stupiti, anzi con occhi attenti e grati: sapendovi leggere l’amore grande dell’Autore della natura; in secondo luogo perché l’ambiente naturale, per il Mugello, nonostante tutto, è ancora una grossa risorsa, ma ciò, al di là degli slogan, non è ancora percepito nei comportamenti collettivi, sia dei singoli che delle amministrazioni pubbliche; terzo, perché l’impegno verso l’ambiente dovrebbe essere un elemento di rilievo nell’azione pastorale delle nostre parrocchie. Dobbiamo infatti ricordare, lo scriveva Giovanni Paolo II di recente, che “le grandi istanze relative al diritto alla vita di ogni essere umano dal concepimento alla morte, l'impegno per la promozione della famiglia secondo il disegno originario di Dio, e l'urgente bisogno, ormai da tutti sentito, di tutelare l'ambiente nel quale viviamo rappresentano per l'etica e per il diritto un terreno di comune interesse.” Nel senso che tutto si lega: e che non può esservi vera e coerente azione per la tutela della natura, se non riusciamo a percepire il nesso con la tutela assoluta della vita umana. Ma nemmeno saremo in grado di garantire una crescita vera della società umana se non riusciremo a sviluppare un’attenzione nuova verso il Creato.

Cerca in questo sito gli argomenti sul Mugello che ti interessano powered by FreeFind
Copyright © 2006 - Best viewed with explorer - webmaster Stefano Saporiti contatti: info@ilfilo.net, Tel. 333 3703408