Link alla Homepage
Menu

La copertina di questo mese
La copertina di questo mese
Articoli
L'EDITORIALE DI LUGLIO-AGOSTO 2004

Solidarietà e vacanze

Sono sicuramente una minoranza, rispetto al grande esercito di vacanzieri che seguono le regole canoniche delle ferie estive –casa al mare o in montagna, albergo, residence, viaggio esotico, code in autostrada, spiaggia, bagni -. Ma ci sono, e viene il dubbio che alla fine siano più contenti loro, rispetto a chi passa parte dell’estate sotto un ombrellone.

Parliamo delle persone, uomini e donne, giovani e adulti, che anche qui in Mugello dedicano le loro ferie –in tutto o in parte- per iniziative di solidarietà. Parliamo delle famiglie che accolgono bambini da altri Paesi. Parliamo di coloro che anche d’estate si dedicano ai giovani e ai ragazzi, agli anziani e agli handicappati. Parrocchie, gruppi, associazioni di volontariato. Esperienze e iniziative diverse, ma tutte accomunate da uno spirito di condivisione e di servizio, di generosità e di amore per il prossimo.

Non è poco, di questi tempi. All’interno del giornale ci soffermiamo su alcune di queste esperienze, senza la pretesa di raccontarle tutte (anche se sarebbe bello, e il nostro giornale come sempre è a completa disposizione, che venisse data testimonianza delle diverse esperienze fatte, attraverso scritti e interventi di chi ha partecipato). Gente che si impegna per gli altri, gratuitamente, gente che dona il proprio tempo è una gran bella risorsa. Non solo per i vantaggi diretti per bambini, ragazzi, anziani che hanno la fortuna di venire in contatto con queste persone. Ma anche perché sono un utilissimo pro-memoria per tutti. Ricordano infatti che la vita non è solo mercato e guadagno economico, e che ci si può spendere gratuitamente, senza monetizzare; che il ricorrente pensiero del “non ho tempo, ho troppo da fare”, spesso è una scusa, e un rischio grande, di chiusura e secchezza spirituale; che è profondamente vero il fatto che “è dando che si riceve”; che il lavorare insieme, il condividere un obiettivo, un’azione, un ideale, il mettersi a disposizione, è un potente antidoto alla tentazione di chiuderci in noi stessi, del menefreghismo cinico, dell’abulia spirituale. Ed è fonte positiva: alla fine questa gente forse torna a casa un po’ stanca, ma la stanchezza è ben compensata dalla gioia e dalla serenità, da quella gioia grande che viene dall’aprire il proprio cuore agli altri.

Per questo occorre dire grazie a tutta questa gente. E se proprio si deve indicare un aspetto problematico, questo è senz’altro nel fatto che le persone impegnate sono poche, sempre le stesse. Occorrerebbe forse un’attenzione maggiore a “propagandare” le opportunità di un’estate diversa. Gruppi, parrocchie e associazioni dovrebbero mettere maggiore impegno a proporre nuove occasioni in grado di stimolare le persone e le famiglie a mettersi in gioco, a farsi coinvolgere, a mettersi maggiormente a disposizione, a vincere ritrosie, pigrizie, remore e timidezze. Sarebbe un arricchimento grande, per tutti.

il filo

 

 © il filo, Idee e notizie dal Mugello, luglio-agosto 2004

Cerca in questo sito gli argomenti sul Mugello che ti interessano powered by FreeFind
Cerca in questo sito gli argomenti sul Mugello che ti interessano powered by FreeFind
Copyright © 2006 - Best viewed with explorer - webmaster Stefano Saporiti contatti: info@ilfilo.net, Tel. 333 3703408