Link alla Homepage
Menu

La copertina di questo mese
La copertina di questo mese
Articoli
ARTE

TERMINATI I RESTAURI ALLA PIEVE

Fagna ritrovata

 Era veramente soddisfatS.E. il Cardinale molto soddisfatto per i lavori di restauro insieme alla dott.ssa Mirella Branca a all’architetto Remo Nencini (foto di Aldo Giovannini)to l’architetto Remo Nencini, progettista e direttore dei lavori, durante la presentazione della Pieve di Santa Maria a Fagna, dopo quattro anni di lavori, ritornata finalmente alla primitiva bellezza, alle linee cioè che furono realizzate nel ‘700 al tempo del Pievano Giuseppe Raggioli, che volle trasformare la sua chiesa nel classico stile barocco com’era in voga in quel secolo. 

Questa magnifica chiesa, posta sopra una vaga collinetta da dove si gode un bel panorama, è uno degli edifici sacri più prestigiosi della vallata mugellana (con all’interno lo splendido ambone di marmi intarsiati e la famosa statua del Cristo Morto, opera in cera di Clemente Susini) ed aveva assolutamente bisogno di un urgente restauro poiché tutti gli stucchi, le dorature, i cartigli con le scritte in latino, le decorazioni, i finti marmi, la stessa cantoria e le varie tinteggiature spalmate nel corso degli anni erano ormai deteriorati ed illeggibili. 

Panoramica del tavolo della presidenza all’interno della restaurata Pieve di S. Maria a Fagna: da sinistra Cristina Conti, Mirella Branca, Sandra Galazzo, il card. Ennio Antonelli, il Pievano don Costante Bianchi , don Paolo Cioni e l’architetto Remo Nencini (foto di Aldo Giovannini)Piano piano, con un lavoro meticoloso (eseguito dalla C.E.R.) con la direzione dell’architetto Remo Nencini e sotto la diretta sorveglianza della Sovrintendenza ai Beni Artistici ed Architettonici, la Pieve è stata quasi rivoltata (i lavori hanno interessato le pareti perimetrali, le volte delle tre navate, il presbiterio, il colonnato in finto marmo etc.etc.) e così , con una semplice ma significativa cerimonia il pievano don Costante Bianchi ed il suo popolo, hanno avuto l’orgoglio di presentarla nel suo splendore. 

Il taglio del nastro di S. E. il Card. Ennio Antonelli con alla sua sinistra il Pievano di Fagna, don Costante Bianchi (foto di Aldo Giovannini)Dopo l’arrivo del Card. Ennio Antonelli, Arcivescovo di Firenze, accolto dal suono festoso delle campane e dagli applausi delle tante persone presenti sul sagrato, lo stesso prelato ha tagliato il nastro inaugurale, accompagnato dal pievano, dal diacono Romano Biancalani, dal pievano di Barberino, don Paolo Cioni, dal sindaco di Scarperia, Sandra Galazzo, dal vice sindaco Franco Bellandi, dall’assessore alla cultura prof. Francesco Apergi, dalla dott.ssa Mirella Branca della Sovrintendenza di Firenze, dalla dott.ssa Anna Bisceglia, funzionario della Sovrintendenza con giurisdizione per il Mugello, dalla dott.ssa Lia Cianti Brunori, Cristina Conti della C.E.R. e dall’architetto Remo Nencini. 

La Pieve di S. Maria a Fagna (foto D. Sguanci)Successivamente le autorità hanno presentato, ognuno nel suo specifico settore, i restauri della chiesa, per poi celebrare la Santa Messa solenne accompagnata dai canti del piccolo coro di Fagna, per terminare –dopo un buffet – con un incontro con la comunità di Fagna e tutta la cittadinanza. 

 

 

 © il filo, Idee e notizie dal Mugello, gennaio-marzo 2004

Cerca in questo sito gli argomenti sul Mugello che ti interessano powered by FreeFind
Copyright © 2006 - Best viewed with explorer - webmaster Stefano Saporiti contatti: info@ilfilo.net, Tel. 333 3703408