Link alla Homepage
Menu


La copertina del mese
GLI ARTICOLI
IL FILO DI PERLE

UNA PARABOLA ISTRUTTIVA

L’astuto ingegnere

Il muro che divide Israele dai territori palestinesi, visto dal lato palestinese.Pensate a qualcosa di fragile: che so? Una bolla di sapone o anche un’instabile goccia di rugiada che trema sopra ad una foglia…

Ecco, spesso questo è il ritratto dell’amicizia.

E poiché, fin da piccoli, ci è stato insegnato che l’amicizia è qualcosa di molto prezioso, un tesoro, un dono, una sicurezza su cui contare, quando ne constatiamo la fragilità, proviamo la delusione e la malinconia che prova chi si accorge che la realtà, purtroppo, è diversa dall’ideale.

Quando penso a questo, mi torna in mente una novella che mi era stata raccontata da bambina, in cui si parlava di un gruppo di ragazzi.

Questi ragazzi erano (o sembravano) un bel gruppo di amici.

Sempre insieme nelle vacanze: insieme a dormire, a mangiare, a fare lunghe girate, a giocare al calcio, a cantare.

Ma la sera, attorno ad un fuoco, non c’erano solo delle canzoni, bensì anche lunghe chiacchierate su argomenti seri, cose che sembravano loro essenziali come, per esempio, l’amicizia.

Specialmente sulla parola “amicizia” erano bravissimi a costruire elaborati castelli di convinzioni e di teorie, castelli, proprio per questo, destinati a franare. Ma chi avesse cercato di metterli in guardia, sarebbe stato respinto con sdegno. Purtroppo, solo invecchiando, si capisce la vacuità della teoria a confronto con la consistenza della pratica.

Nel caso infatti di questi ragazzi, la pratica si limitava a quel breve periodo di vacanza: tornati a casa venivano riagganciati da occupazioni e relazioni diverse.

Se la storia fosse solo questa sarebbe piuttosto banale: succede sempre che, crescendo, si incontrino nuovi amici : si passa dalla scuola al lavoro, ci si innamora, ci si sposa, allora l’amicizia può sbiadire, annacquarsi, perdere la sua forza ed il suo brio. E’ naturale. Inoltre la vita va avanti e spesso capita che gli ideali si mettano nel cassetto, non per perderli, ma per tenerli al sicuro: ogni tanto si è certi che si darà loro un’occhiata, ma la realtà prende tutto il posto disponibile  perché è fatta di mille piccole incombenze che intasano tutta la giornata.

Ma la novella prende una piega più amara.

I ragazzi in vacanza erano tanto contenti di stare insieme che pensarono di costruire una “Casa dell’Amicizia”. Non sto a descrivere il loro entusiasmo: idee e progetti a ripetizione.

Qualcuno – forse un vecchio saggio – suggerì loro di rivolgersi ad un grande Architetto di cui ora mi sfugge il nome.

Ma all’improvviso, senza che se lo aspettassero, arrivò un certo ingegner Separatore, dicendo di essere stato mandato dall’Architetto che in quel momento aveva altre cose importanti da fare e comunque si potevano fidare perché era un suo stretto collaboratore.

Era un tipo persuasivo, dalla facile parlantina: lodò i ragazzi, la loro decisione, il progetto, la voglia di fare qualcosa per un grande ideale. Poi, chiamati alcuni aiutanti di sua fiducia, iniziò a tracciare una grande linea sul terreno. Rapidamente la linea diventò un muro.

Senza accorgersene alcuni ragazzi si trovarono di qua ed altri di là dal muro che diventava sempre più alto. Provarono a comunicare, ma riuscivano a malapena a capire qualcosa ed iniziarono a fraintendersi. Una frase, buttata lì senza riflettere, fu presa per un’offesa. Quando arrivò la risposta non fu certo una gentilezza. Poi, amareggiati, i due gruppi, ognuno convinto di essere dalla parte giusta, se ne andarono per i fatti loro. Da quel momento, se capitava loro di incontrarsi facevano finta di non conoscersi.

Mi rendo conto che la novella non è divertente e soprattutto non c’è il lieto fine.

Chi me la raccontò si premurò però d’informarmi che il maligno ed astuto ingegner  Separatore

non lavorava insieme al grande Architetto bensì era un ex collaboratore buttato fuori per truffa ed altre mascalzonate del genere.

Mi fu detto inoltre che sarebbe bene che tutti stessero bene attenti perché arriva sempre velocemente senza essere chiamato e dedica tutto il suo tempo a costruire muri in mezzo alla gente.

Nicoletta Martiri Lapi

© il filo, Idee e notizie dal Mugello, aprile-maggio 2008

Cerca in questo sito gli argomenti sul Mugello che ti interessano powered by FreeFind
Copyright © 2006 - Best viewed with explorer - webmaster Stefano Saporiti contatti: info@ilfilo.net, Tel. 333 3703408