Link alla Homepage
Menu

La copertina di questo mese
La copertina di questo mese
Articoli
Dibattiti

IL RISCHIO DEL BUONISMO E DELLA NEUTRALITA'

Abbiamo bisogno 
di parole vere e forti

Non so se, come credenti, siamo afflitti da una forma di cecità rimediabile, oppure da un inaridimento del cuore, più difficile da guarire. Accendiamo il televisore, rimaniamo colpiti dalle nefandezze di ogni genere che vengono proposte, ma non ne tiriamo le conseguenze. La società si fa sempre più "competitiva", i deboli, cioè, soccombono con sempre maggiore facilità agli abusi dei forti, ma non ne tiriamo le conseguenze. Le discoteche con i loro orari, le loro abitudini, i loro smerci diventano un luogo sempre più pericoloso per l'equilibrio e la stessa vita dei giovani, ma non tiriamo le conseguenze. Aumentano le famiglie in crisi, sempre più giovani si trovano privi dell'assolutamente necessario appoggio dei genitori, ma non ne tiriamo le conseguenze. Dopo l'aborto, si sta facendo largo l'eutanasia, seri sono i rischi dovuti alla manipolazione genetica, ma non ne tiriamo le conseguenze. Si combattono guerre assassine, e nelle guerre perdono sempre i più poveri, ma non ne tiriamo le conseguenze perché abbiamo paura del rimbrotto dei potenti. Negli ospedali il bilancio viene anteposto agli interessi della persona malata, ma non ne tiriamo le conseguenze. La scuola si sta trasformando in luogo d'omologazione, ma non ne tiriamo le conseguenze. Gli spazi della libera associazione delle persone vengono sempre più pervasi dalla tentacolare presenza dello stato in tutte le sue articolazioni, ma non ne tiriamo le conseguenze.

Mia figlia fra qualche mese riceverà la cresima, che idea si sta facendo dell'essere testimone? La comunità cristiana verso quale interpretazione della testimonianza la sta indirizzando?

Dopo Pentecoste Pietro si rivolse alla folla. "Uomini d'Israele, ascoltate queste parole: Gesù di Nazaret - uomo accreditato da Dio presso di voi per mezzo di miracoli, prodigi e segni, che Dio stesso operò fra voi per opera sua, come voi ben sapete -, dopo che, secondo il prestabilito disegno e la prescienza di Dio, fu consegnato a voi, voi l'avete inchiodato sulla croce per mano di empi e l'avete ucciso. Ma Dio lo ha resuscitato, sciogliendolo dalle angosce della morte, perché non era possibile che questa lo tenesse in suo potere". Non c'è che dire, probabilmente oggi Pietro, soprattutto da qualche credente, si sentirebbe accusare d'intolleranza. Eppure, abbiamo tanto bisogno di parole forti, chiare, coraggiose, agli antipodi di certo fraseggio esangue, rituale, buono per l'ora del the, ma non certamente per rompere la crosta che indurisce il cuore dell'uomo pervicacemente alla ricerca - per dirla con Mark Twain - di necessità non necessarie.

Come vorrei che mia figlia non si lasciasse invischiare da ragionamenti scontati, buoni per tutte le stagioni. Da parte mia, non mi resterà che ribadirle che chiunque è contro i poveri e i deboli è contro Gesù; chiunque cerca di ingannare i giovani attraverso i richiami dello sballo e del piacere a tutti i costi è contro Gesù; chi rifugge dalla fedeltà per il proprio tornaconto è contro Gesù; chi getta le bombe è sempre contro Gesù; chi uccide un bimbo ancora non nato è contro Gesù; chi antepone i denaro al rispetto e alla dignità di ogni uomo e di tutti gli uomini, specie se infermi, è contro Gesù; chi cerca di manipolare la verità è contro Gesù; chi è contro la libertà è contro Gesù. Certo, ciascuno ha la possibilità di redimersi e di essere perdonato in ogni momento. Senza perdono saremmo tutti spacciati! Il perdono è una cosa meravigliosa: si fa più festa in cielo...

"Chi non è con me è contro di me; e chi non raccoglie con me, disperde". Nei confronti di Gesù non ci sono zone franche, terre di nessuno, atteggiamenti neutri. O si è con la luce oppure si è con le tenebre.

Fa', o Signore, che un raggio della tua luce

ci permetta di discernere, in ogni momento

e in ogni circostanza,

il confine che segna la vita dalla morte.

Giampiero Giampieri
© il filo, Idee e notizie dal Mugello, febbraio 2000

Cerca in questo sito gli argomenti sul Mugello che ti interessano powered by FreeFind
Copyright © 2006 - Best viewed with explorer - webmaster Stefano Saporiti contatti: info@ilfilo.net, Tel. 333 3703408