Link alla Homepage
Menu

La copertina di questo mese
La copertina di questo mese
GLI ARTICOLI
PERSONAGGI

AUGUSTO ROMAGNOLI E IL SUO CINEMA PARADISO

Un’esistenza a colori

L’ultima volta che l’ho visto lavorare stava restaurando i colori del S. Francesco a lato della facciata della Pieve di Borgo. Pennello fermissimo e la precisione di sempre. Ufficialmente era imbianchino, ma aveva la tecnica di un miniaturista. Evidentemente, operare intorno alle immagini era la vocazione di Augusto. Per tantissimo tempo è stato, infatti, l’operatore del Don Bosco a partire dall’epoca dei salesiani. E’ lui che mi ha introdotto nella magia del cinema. Da bambino mi ha sempre impressionato quel fascio di luce che, andando a sbattere contro lo schermo, si trasformava in immagini capaci di suscitare tante emozioni. E quando tredicenne mi sentii dire da che mi avrebbe insegnato a fare l’operatore mi parve cha una felicità più grande non potesse esserci sulla terra. Costruì per me anche un rialzo che mi permise di poter cambiare la bobina più alta del proiettore. Mi insegnò tutto, compresa l’arte di fare i tagli alle scene considerate osé per l’epoca. Augusto però non era solo operatore. Era anche il responsabile della programmazione: diverse generazioni sono cresciute con i film che lui sceglieva. Sentiva quella responsabilità e l’esercitava con scrupolo. Mi parlava spesso del perché sceglieva un film piuttosto che un altro. Ha sempre avuto un portamento molto elegante, ma a me, da ragazzo, appariva anche molto austero e mi meravigliò parecchio che sin dall’inizio mi trattasse da pari a pari.

Non so se ne fosse consapevole, ma la pedagogia  salesiana l’aveva nel sangue. Ciò che si sa, che si sa fare e che si possiede è molto più bello se condiviso. Ecco perché era sempre disponibile ad insegnare ad altri ciò che sapeva. Mi diceva qualche settimana fa Don Poggiali che, probabilmente,  era lui l’ultimo al quale Augusto aveva insegnato a fare l’operatore.

Per Augusto, come del resto per molti di noi, l’ambiente salesiano era la seconda casa. L’inconveniente era che si stava poco in famiglia, e di questo mi parlava con una punta di melanconia la moglie Lidia il giorno del funerale. Eppure nelle ore passate in cabina di proiezione quante volte mi parlava con tenerezza di lei, dei luoghi dove si erano conosciuti, di come le voleva bene. D’altro canto l’educazione che ci veniva data all’oratorio consisteva per larga parte nella disponibilità a prenderci delle responsabilità. Ciò ci veniva richiesto e ciò gli educatori erano disposti con gioia a rischiare: non si poteva tirarci indietro!

Aveva un’altra grande passione: la caccia. Mi ricordo che teneva in cabina di proiezione una carabina, e quando tra uno spettacolo e l’altro c’era un po’ di tempo, andava nel terreno tra la chiesa del Crocifisso e dove adesso ci sono le piscine a cercare di fare qualche preda.

Lidia mi raccontò che all’inizio della malattia Augusto incominciò – bizzarria della sorte - a non riconoscere più i colori. Com’è sagace la Provvidenza! Quello che ci dà ce lo toglie affinché comprendiamo che non è roba nostra, ma è dono. Vale per le cose e vale per le persone. Tutti siamo debitori di tanti. Di Augusto io lo sono in maniera particolare perché attraverso le pellicole, i carboni, le lenti anamorfiche, gli otturatori e le cellule fotoelettriche mi ha disposto alla meraviglia. E mi immagino la sua, quando i suoi occhi si sono aperti sui colori del paradiso.

Giampiero Giampieri

 

 

© il filo, Idee e notizie dal Mugello, 2006

Cerca in questo sito gli argomenti sul Mugello che ti interessano powered by FreeFind
Copyright © 2006 - Best viewed with explorer - webmaster Stefano Saporiti contatti: info@ilfilo.net, Tel. 333 3703408