Link alla Homepage
Menu


La copertina del mese
GLI ARTICOLI

UN GP DA 6 MILIONI DI EURO!

Il Motomondiale ai raggi X

 Non è facile raccontare un evento come il GP d’Italia di motociclismo, per le mille sfaccettature che un evento di questa natura comporta. In questo spazio affidatomi, provo ad affrontare un paio di argomenti.

Il primo: cercare di capire cosa rappresenti per il territorio questa manifestazione, aldilà della partecipazione alla sua organizzazione di oltre 1000 persone residenti principalmente in questa area. Perché a parlare siano i dati e non le opinioni – legittime, ma che lasciano il tempo che trovano -  l’autodromo ha commissionato ad uno studio specializzato una ricerca su due tempi. Nella fase 1) stimare le ricadute economiche indirette, generate dalla pubblicità che i media hanno fatto all’impianto  e, in generale al territorio mugellano, durante il periodo di svolgimento del GP. Nella fase 2) fornire una stima generale dell’impatto economico, sia diretto che indiretto, che il Circuito del Mugello ha sul territorio.

La prima fase è già conclusa (la seconda lo sarà alla fine del 2008) ed il periodo preso in esame è stato la settimana del GP 2007, un periodo nel quale la parola “Mugello” è stata vista ed ascoltata da milioni di persone attraverso TV, giornali e riviste, radio e internet.

Semplificando, potremmo dire che la domanda che ci si è posti è  ”Quanto sarebbe costata la pubblicità che è stata fatta nei vari mezzi di comunicazione, in occasione del Moto GP 2007, al Circuito e al Mugello?”

La risposta è quasi 6 milioni di euro, 5,8 per la precisione. Tale è il valore stimato dei 639 articoli usciti sulla stampa durante la settimana del GP, degli 86 minuti di servizi televisivi (gara esclusa) andati in onda su Rai e Mediaset (72 milioni di spettatori complessivi), ai quali devono essere aggiunti i 205 milioni di persone che nel mondo hanno vista alla tv il GP. Oltre ai ritorni radio, internet…

Questo valore ha sicuramente effetti positivi sia per il Circuito, sia per il comprensorio del Mugello; è chiaro che alcuni “prodotti” presenti nel territorio possono giovarsene. In primo luogo questo tipo di pubblicità indiretta, che in alcuni casi può essere più efficace di quella diretta, investe il Circuito nel senso aziendale del termine, promuovendo i suoi servizi e la sua capacità organizzativa; a cascata la pubblicità incide positivamente anche sul territorio creando occasioni di entrata per cospicui flussi turistici, promuovendo in primis il 'brand' Mugello, tutti i "prodotti" presenti e valorizzando e qualificando l'intero comprensorio.

Il secondo argomento riguarda la sicurezza e la mobilità in occasione dei tre giorni del GP di quest’anno.  Il commento è del Questore Francesco Tagliente che ha promosso a pieni voti le nuove misure organizzative attuate in  tale circostanza.

Rispetto allo scorsa edizione si sono registrati meno incidenti stradali, meno feriti e maggiore azione di contrasto dell'abuso di sostanze alcoliche e dello spaccio di sostanze stupefacenti, ed in generale una maggiore vivibilità interna ed esterna all'area del Mugello.

 

I servizi di viabilità per l'afflusso e deflusso a fronte di un incremento del 14% dell'afflusso veicolare rispetto allo scorso anno, ha consentito di ridurre gli incidenti stradali a 2, peraltro lievi, a fronte di 7 dello scorso anno. Sono stati ulteriormente ridotti, di due ore, i tempi di deflusso.

 

                                                            Riccardo Benvenuti

   Responsabile comunicazione Autodromo del Mugello

 

 

Fonte: Dati Google Trends – http://www.google.com/trends?q=mugello

© il filo, Idee e notizie dal Mugello, giugno 2008