Link alla Homepage
Menu

La copertina di questo mese
La copertina di questo mese
Articoli
Storia
GRAN SUCCESSO PER LE FESTE MEDIEVALI
IN ALTO MUGELLO

Palazzuolo in costume

Feste Medievali a Palazzuolo sul Senio"Davvero bravi": è questo il primo pensiero che saliva alla mente lasciando, a tarda sera, Palazzuolo sul Senio, dopo aver partecipato alla Festa Medievale. Perché è stato davvero sorprendente la ricchezza della manifestazione, l'atmosfera che gli organizzatori erano riusciti a creare, la minuziosa cura dei particolari, la qualità degli spettacoli. Molto più di quanto uno s'attenda.

Anche il paese ci mette assai del suo: il centro storico di Palazzuolo, con le sue stradine, la sua piazza e i suoi palazzi sembra fatto apposta per queste Feste, e certo agevola il compito degli organizzatori nel ricreare le ambientazioni medievali. Poi impressiona la coralità, la partecipazione degli abitanti: il comune è piccolo, e sono molti, evidentemente ad aver accettato di vivere, per due fine settimana, nei costumi medievali, che, ci dicono, sono anch'essi studiati e preparati in loco: dai bambini piccoli agli anziani, sono tutti attori e protagonisti della rievocazione, a filare, come a fare il pane e il formaggio all'antica maniera, a battere il ferro e a tagliar la legna, o anche solo a passeggiare lungo le stradelle anticate con semplici tocchi di paglia, o facendo la spola tra i suggestivi accampamenti lungo il fiume, con armi piccole e grandi, dalle spade alla catapulta, che sembravano prese in prestito in qualche museo. Per non dire dell'ubriaco o dei lebbrosi che girovagavano tra il pubblico.

Non mancava naturalmente la gastronomia. Ma anche qui tutto era oltremodo curato. Niente stand fumanti con salsicce e tortelli, ma piatti dai sapori semplici, e forti, e con stoviglie intonate all'epoca. Del resto vale la pena di sottolineare che le "Feste Medievali. Medioevo alla corte degli Ubaldini", quest'anno alla quarta edizione, tenutesi nella seconda metà di luglio e promossa dall'associazione culturale Gruppo Storico "Oste Ghibellina", non sono assimilabili alle sempre più frequenti rievocazioni storiche, folkloristiche e un po' improvvisate che capita di vedere il giro. All'origine delle feste c'è la passione per la ricerca storica -non mancava infatti una mostra documentaria sulla storia del territorio di Palazzuolo, "Caro Podere"-, ed anche l'amore per il territorio in cui si nasce e l'orgoglio di viverci. Non capiresti altrimenti come un paese così piccolo sia in grado di mettere in piedi un programma così intenso e curato: anche quest'anno a scorrere il programma sembrava di leggere il campionario completo del Medioevo, delle sue suggestioni, delle sue leggende e dei suoi personaggi mitici. Per non dire degli spettacoli, presentati nel palcoscenico "naturale" della piazza, molti dei quali allestiti dagli stessi palazzuolesi, con una cura, nei costumi, nelle musiche e nei testi, davvero rimarchevole.

Conclusione: l'anno prossimo, per le Feste Medievali del 2000, è da immaginare che Palazzuolo supererà se stesso. E allora converrà non mancare. Un appuntamento che merita appuntare già sul calendario.

- Foto di Andrea Lapi -

© il filo, Idee e notizie dal Mugello, agosto-settembre 1999
Cerca in questo sito gli argomenti sul Mugello che ti interessano powered by FreeFind
Copyright © 2006 - Best viewed with explorer - webmaster Stefano Saporiti contatti: info@ilfilo.net, Tel. 333 3703408