Link alla Homepage
Menu

La copertina di questo mese
La copertina di questo mese
Articoli
Preghiere

IL FILO DI PERLE rubrica di Nicoletta Martiri Lapi

Vai all'indice del "Filo di perle"

RISCOPRIRE IL VERO SENSO DELLA VITA

Maestra carrozzina

Lo scorso Ottobre, un giovane ha celebrato il 25° anniversario del suo incontro con la carrozzina ortopedica.

Trascrivo dal suo scritto, pubblicato sul periodico OAMI "Vita nostra", alcuni passi che possono far riflettere soprattutto coloro che non sanno dare un senso alla loro vita e si abbattono alle prime difficoltà. 

Un'immagine della Festa dei Malati a Borgo San Lorenzo, anno 2000E' una unione insolita la mia, con una compagna particolare: una compagna che ti sconvolge la vita, che ti obbliga a trovare nuovi stimoli, nuovi interessi, con LEI , la carrozzina, la vita te la devi reinventare. A volte è buona: con lei infatti puoi andare dove vuoi, ma altre volte è crudele. Ti obbliga a chiedere (che pena! che umiliazione!) , ti fa sentire una nullità quando non hai chi ti aiuta, ti fa rimpiangere i momenti in cui non avevi bisogno di niente e di nessuno.

Sono stato vicinissimo alla morte per ben due volte dopo l'incidente che mi ha ridotto un paraplegico. Sono qui solo per soffrire? O forse la carrozzina è un "mezzo" per farmi capire ciò che altrimenti non avrei capito mai?

Lei non è, infatti, solo tormento: è proprio scavando, scavando che ti fa fare importanti e confortanti scoperte. Quando, ad esempio, ti confronti con gli altri, vedi che non è semplice trovare chi sta meglio di te. C'è infatti chi ha problemi di salute, chi ha problemi familiari, chi non ha un lavoro, chi soffre la fame, chi vive in un paese in guerra, ecc. ecc. Poi c'è chi non ha problemi e però se li crea: sempre a lamentarsi, a piangersi addosso (che tristezza vedere che questi sciupano i loro giorni senza avere capito niente della vita!). Poi c'è ancora chi, per la carriera, per il profitto, corre, corre senza avere il tempo di capire dove va. Ricordo quando anch'io correvo, non per la carriera, né per il profitto; anche conducendo una vita normale si corre. "Lei" ti frena! In un certo senso ti isola e ti fa scoprire la bellezza del silenzio.

Trovi tanta serenità nel silenzio, perché vedi che non c'è niente, in tutto ciò che ti accade nella vita, che sia privo di utilità. Del resto è così anche nella natura, dove ogni cosa, anche la più piccola, ha una sua specifica funzione. Tutto ha uno scopo, tutto ha un significato. Nel silenzio ricordi i tanti problemi avuti, anche molto seri; vedi che in fondo li hai sempre superati positivamente e sono stati questi che ti hanno insegnato cos'è la vita, che ti hanno arricchito dentro.

Il constatare poi che, nonostante tutto, ce l'hai sempre fatta, ti da' un'enorme carica: ti vien quasi voglia di sfidare il futuro. Vedi l'intreccio che c'è tra una vicenda e le altre, vedi le tante coincidenze, vedi che il tutto è così ben congegnato che non può essere casuale. C'è una trama, c'è un copione già scritto!

Non è un male conoscere il male, serve per meglio comprendere il bene, e Colui che è il Bene totale.

Ricordo quando avevo tutto e credevo che mi fosse tutto dovuto (quanto si è egoisti!)

Ritrovarmi menomato mi è servito per dare a ciò che avevo ed al tanto che ancora ho il giusto valore. Mai avrei immaginato, altrimenti, che è così complicato muovere le dita delle mani, piegare le gambe, spostare in avanti i piedi.

Mai l'avrei immaginato! Veniva tutto così spontaneo, così naturale! Ed era tutto gratis. Che miracolo la vita!

Non è certamente piacevole vivere in carrozzina. E' come pedalare in salita con il vento contro; quando poi questo soffia un po' più forte, si fa presto anche ad andare in crisi. Se però questo serve per capire il vero senso della vita...

Del resto più è caro il prezzo da pagare per il biglietto e più grande e più bello dovrebbe essere lo spettacolo al quale si potrà partecipare.

il filo, idee e notizie dal Mugello, gennaio-febbraio 2001
Cerca in questo sito gli argomenti sul Mugello che ti interessano powered by FreeFind
Copyright © 2006 - Best viewed with explorer - webmaster Stefano Saporiti contatti: info@ilfilo.net, Tel. 333 3703408