Link alla Homepage
Menu


La copertina del mese
GLI ARTICOLI
testimonianze

ALLA SCUOLA DI LUCO UNA COMMOVENTE INIZIATIVA

Per il nostro Lorenzo...

Luco ricorda con affetto di M.B., una mamma della classe V 

Non trovo tante parole per poter descrivere la giornata conclusiva della scuola elementare di Luco.

Gli alunni hanno lavorato molto per poter dedicare la nuova palestra al loro compagno e amico Lorenzo Cappetti e per questo è stato pensato e poi realizzato un pannello con piastrelle in ceramica che son state decorate da ogni alunno della scuola.

Non è stato per niente facile disegnare e pitturare su delle piccole piastrelle ancora da cuocere: il colore non scorreva sulla polverina della base, i pennelli sembravano sempre troppo grandi per quelle piccole mani che li dovevano usare, i colori in polvere erano difficili da miscelare.…ma dietro gli utili consigli  di Vieri Chini che ci ha fornito anche il materiale, ce l’abbiamo fatta.

Com’è venuto potete vederlo da voi: a noi piace perchè è risultato vivace e siccome ogni piastrella è stata pensata esclusivamente dagli alunni, ognuna di esse ha un significato speciale per chi l’ha realizzata.

Siamo stati veramente felici che all’inaugurazione ci fossero il nostro Sindaco di Borgo S. Lorenzo, la Dirigente Scolastica ed altre autorità, ma il nostro grazie più grande va a tutti i parenti di Lorenzo: a quelli che erano lì con noi e a quelli che non hanno potuto partecipare ma che abbiamo sentito comunque vicini.

Il nostro voleva e vuole essere un dono rivolto non solo a Lorenzo e alla sua mamma Cristina, ma un dono offerto anche per far sentire il nostro affetto a chi ha dovuto subìre un dolore così grande.

L’emozione e la commozione è stata tanta, ma nei volti di tutti loro ho visto la serenità che soltanto una grande fede può dare.

Per accompagnare questo evento particolare c’era sicuramente bisogno di musica ed anch’essa è stata speciale; Silvia Mazzoni , madre di un’alunna e cantante lirica che solitamente si esibisce nei più famosi teatri italiani, ha messo a disposizione il suo tempo e la sua professionalità per insegnare alcuni brani lirici a tutti i novantadue alunni della nostra scuola elementare.

Silvia Mazzoni , ha messo a disposizione il suo tempo e la sua professionalità per insegnare alcuni brani lirici a tutti i novantadue alunni della nostra scuola elementare.

La professionalità di una persona si capisce anche dal modo in cui si rapporta con gli altri e Silvia in questo progetto non ha semplicemente insegnato delle canzoni, ma, incontro dopo incontro, ha spiegato cos’è la lirica, ha raccontato le storie delle opere scelte coinvolgendo emotivamente i bambini in storie d’altri tempi ma sempre attuali per i sentimenti che vengono trattati, ha insegnato la giusta respirazione e l’attenzione che ognuno deve avere…insomma, una vera scuola di lirica. Al momento del debutto davanti al folto pubblico di genitori, parenti e autorità, nessuno aveva la pretesa di sentirsi un Pavarotti o una Callas, ma questi bambini avevano chiaro il loro scopo: sapevano di cantare per una ragione più grande che va al di là del semplice intrattenimento: volevano che le loro voci diventassero un potente ma dolce canto che potesse arrivare al di sopra del cielo e raggiungere un bambino che mai dimenticheremo.

Concludo con alcune parole che in maniera indelebile sono state scritte sulle piastrelle: “ Ciao Lory, ti vogliamo bene: sarai sempre nei nostri cuori”.

 

Angela Agostini

 

Luco ricorda, con affetto

Quattro giugno, un pomeriggio speciale alla scuola primaria di Luco. L’occasione è la festa di fine  anno scolastico. I bambini di tutte le classi sono stati sapientemente preparati  a cantare noti brani lirici, dalla bravura della soprano Silvia Mazzoni, orgoglio nazionale e non solo per tutti noi cittadini di Luco e Grezzano suo paese di origine. Il giardino  antistante la scuola appare perfino troppo piccolo per contenere tante persone, genitori,  nonni, parenti, persone comuni ed autorità accorse ad ascoltare il coro dei bambini. Il clima è di festa; negli occhi delle insegnanti si legge tutta la fatica di un anno ma anche la gratificazione e il compiacimento di vedere questi bambini così attenti, preparati e pronti per l’anno prossimo.

L’allegria e la gioia  dei bambini si mescola alla commozione degli adulti quando arrivano i nonni e gli zii di Lorenzo invitati dalle insegnanti per la “scoperta” della targa  in  ricordo  del piccolo compagno scomparso tragicamente  con la mamma un anno fa. E’ un pannello colorato che fa da cornice a tante mattonelline dipinte a mano dai bambini ognuna delle quali reca un messaggio “per Lorenzo”  Di fronte a questo capolavoro ci sentiamo tutti  vicini, quasi a sorreggere con affetto il dolore e la commozione di Aldo, Alvara, Maria, Marcello.Mentre il pensiero  ci riconduce tutti nella cornice di quel   mosaico dove  nuovi   tasselli s’intrecciano con gli spazi vuoti di chi non c’è più.

Un raggio di sole filtra fra le nuvole e raggiunge ognuno dei bambini pronti per l’esibizione; questo è sicuramente il grazie di Lorenzo.

 

M. B., una mamma della classe V°

© il filo, Idee e notizie dal Mugello, giugno 2008

Cerca in questo sito gli argomenti sul Mugello che ti interessano powered by FreeFind
Copyright © 2006 - Best viewed with explorer - webmaster Stefano Saporiti contatti: info@ilfilo.net, Tel. 333 3703408