Link alla Homepage
Menu

La copertina di questo mese
La copertina di questo mese
Articoli
Società - Politica
SPECIALE ELEZIONI COMUNALI - 13 GIUGNO 1999

BORGO SAN LORENZO   /  BARBERINO DI MUGELLO  /   SAN PIERO A SIEVE
VICCHIO  / FIRENZUOLA  / ALTO MUGELLO

Una strana partita
Non c'è partita, verrebbe da dire. Quella che si gioca domenica 13 giugno infatti è una di quelle partite in cui il risultato è già scritto. Manchester contro Empoli, e non per un'amichevole, ma con una posta in palio importante. Anzi, il risultato, per le elezioni comunali in Mugello è già scritto, ancor più di quello per una partita di calcio. Là almeno la palla è rotonda, mentre per le elezioni la scheda è rettangolare, e non c'è caso o fortuna che tenga. Fuor di metafora: il pronostico è tutto per le maggioranze uscenti, che, specie per i comuni mugellani, partono ben più che in pole-position.

Quasi dappertutto è così: la riconferma della saldatura tra sinistra e Ppi non lascia troppi spazi di suspance. Chi in tutti i modi vuol intavolare qualche discussione nei bar potrà tener d'occhio le percentuali; ma visto che si tratta di maggioranze blindate e consistenti, emorragie di voti tali da metterle in scacco è un'ipotesi che appare francamente irrealistica.
Forse in qualche comune più piccolo, dove l'appeal e la competenza di un candidato può fare la differenza. Potrebbe essere il caso di San Godenzo, così come di Londa e forse di Palazzuolo. Forse a Marradi qualche scontento di troppo e la presenza in lizza anche di Rifondazione potrebbe mettere in discussione la poltrona occupata da Matulli. Ma un'analisi del comportamento elettorale consiglia di non attendersi grandi sorprese.
Nonostante, è innegabile, che il malcontento non manchi. Qualche crepa nelle maggioranze si è aperta. Non mancano critiche e mugugni, anche all'interno del partito di maggioranza. Ma almeno finora i mugugni non si sono mai tramutati in decisione di votare per gli altri.
Anche perché se le maggioranze sono in difficoltà, le opposizioni appaiono in crisi. La scarsa partecipazione ha fatto il vuoto anche nelle loro fila, e non è facile trovare competenze, passione, disponibilità di tempo; spesso divisa, con l'incapacità di trovare modi d'azione comuni . Sia chiaro: oggi fare opposizione, essere minoranza, non è per niente facile. Diminuiti di numero in consiglio comunale, reso più difficoltoso seguire la vita comunale, in quanto ormai ben poco passa dalle aule consiliari, i consiglieri delle minoranze, specie se son gente normale che lavora e ha famiglia, ben difficilmente riescono a svolgere bene il loro compito. Perché tra commissioni convocate all'ultimo momento, mille atti da leggere, documentazione che si cerca di nascondere, star sui banchi dell'opposizione è diventata cosa dura.
Politicamente, un elemento pare evidenziarsi: il bipolarismo pare perdere qualche colpo. Ad eccezione dei comuni più piccoli (a Palazzuolo, Firenzuola, Londa, San Godenzo la partita sarà Polo contro Ulivo, e di San Piero, dove il PPI si compatta con i DS (ma Rifondazione fa corsa a sé), in diversi comuni si tende più alla disaggregazione che all'aggregazione. Il caso più evidente è quello di Vicchio, ma anche a Marradi ci si fa concorrenza a sinistra, mentre a Borgo e Dicomano ci sono quattro candidati sindaci.
Altro elemento significativo è la particolare tinta rosa di queste elezioni: due candidate sindaco a Marradi, una a Barberino, una a Borgo San Lorenzo, en-plein femminile a Rufina, una candidata sindaco a San Godenzo, una a Palazzuolo, una a San Piero. Segnale positivo di un desiderio d'impegno e di presenza che ci auguriamo non venga frustrato dalle chiuse logiche della vecchia politica.

In queste pagine tentiamo di sintetizzare le situazioni, comune per comune, senza pretendere di dar voce a tutti, ma di cogliere le caratteristiche principali di ogni singola elezione comunale.

 

Borgo, il comune del ballottaggio

Quattro anni fa Borgo San Lorenzo, per le elezioni comunali, finì sulle cronache nazionali, rarissimo comune dove andarono al ballottaggio il candidato sindaco pidiessino contro il candidato di Rifondazione Comunista. Questa volta l'atipico scenario potrebbe ripetersi, visto che le forze in campo, in apparenza sono pari pari quelle dell'altra volta: anche se a ben guardare le differenze non mancano. Vediamole, ad una ad una:

Il problema di Rifondazione Comunista
"Noi -dice Roberto Cicali, riconfermato candidato sindaco, come quattro anni fa- ci terremmo molto a tornare al ballottaggio. Ma occorrerà vedere quando inciderà la scissione che il nostro partito ha subito. Non tra gli iscritti o ai militanti, perché a Borgo i Comunisti Italiani di Cossutta praticamente non esistono; semmai nell'elettorato". Sì, perché l'Ulivo borghigiano a Rifondazione ha tirato un bel tiro mancino: si è inventato infatti una seconda lista a sostegno di Margheri, con il simbolo dei Comunisti Italiani, che è praticamente identico a quello di Rifondazione. "E' una manovra del Pds -protesta Cicali- per disorientare il nostro elettorato, specie quello più anziano, una manovra inqualificabile. Ho visto i nomi di questa lista, e a parte un paio, è tutta gente di fuori, una lista prefabbricata".

Pare questo l'elemento di maggior frizione tra Ulivo e Rifondazione: Cicali infatti sembra rammaricato della rottura: "Non è stata una rottura, come quattro anni fa, quando ci vollero escludere: stavolta ci siamo confrontati sui programmi, che per buona parte sono simili. Ma su alcuni elementi importanti, scuola e servizi pubblici, le differenze erano troppo grandi, e ne abbiamo preso atto".

Il sindaco Margheri è più sferzante: "Su Rifondazione -mormora sorridendo- non c'è nulla da dire: sono mancate le condizioni per un accordo, è prevalsa una linea di carattere generale, di ritagliarsi uno spazio all'opposizione. E l'esperienza fatta in consiglio ha mostrato un'opposizione simile a quella del centro-destra, più di freno che di stimolo. Del resto Rifondazione ha flirtato non poco con l'opposizione di centro-destra".

I problemi dell'Ulivo
Cicali però mette il dito nella piaga: "La verità è che Margheri ha grossi timori: non è benvisto dai cittadini, lo dico senza alcuna acredine. Tra la gente, anche tra coloro che l'altra volta lo votarono, sento un grande scontento. Sicuramente, nonostante la coalizione abbia più sigle, non riuscirà ad essere eletto al primo turno. E già questo sarà un risultato significativo".

Quattro anni fa c'era tra l'altro l'elemento novità: il candidato sindaco nuovo, la nuova alleanza tra sinistra e parte dei popolari. Oggi questo non c'è, e la maggioranza non è riuscita di fatto ad allargarsi, trovandosi accerchiata, con forze diverse, dalla sinistra, al centro e alla destra che la contestano. Antonio Margheri però si dice tranquillo: "Sono particolarmente soddisfatto -nota-, perché rispetto a 4 anni fa le forze politiche del centro sinistra hanno continuato il cammino tanto da presentarsi in una lista unitaria dell'Ulivo. Faccio solo un auspicio: che il confronto elettorale sia sui programmi, sulle cose da fare, piuttosto che sulle polemiche. Faccio un esempio: piuttosto che discutere e contestare la scelta di star dentro al consorzio per le risorse idriche, ormai acquisita, si discuta su come ci si sta dentro, su quali strumenti di controllo darci, su come cambiare la macchina amministrativa interna. E' questo il confronto ineludibile: discutere se fare in proprio certi servizi non ha più senso".

Margheri sta preparando anche la squadra degli assessori, ma con più cautela: è voce comune infatti che all'interno del suo partito vi siano forti contrasti (dovrebbero restar fuori dalla giunta sia Massimo Gennari che Maurizio Iandelli, mentre cerca un posto Maurizio Veri, che non dovrebbe essere riconfermato presidente del Consiglio Comunale; riconfermati invece, salvo colpi di scena, il vicesindaco Stefano Tagliaferri e l'assessore Patrizia Gherardi). In particolare in casa diesse si vorrebbe un maggior peso per i propri uomini.

I problemi delle opposizioni
L'inizio della campagna elettorale si è caratterizzato per il fuoco di fila del Polo contro la Lista Libera, contro cui sono state sparate parole grosse: "tradimento", "immoralità", per aver rotto il fronte. In lizza c'è infatti la "Lista Libera per Borgo San Lorenzo", con il suo candidato sindaco Ilda De Angelis Braschi, una lista che vede l'apporto di forze cattoliche, laiche, socialiste, accomunate da una decisa critica all'attuale amministrazione comunale; e il Polo, con due liste distinte, CCD e Forza Italia da una parte, Alleanza Nazionale dall'altra, che sostengono entrambe il candidato Stefano Bologna.

Ilda De Angelis Braschi è dispiaciuta dalle accuse: "Purtroppo -dice- si stanno parlando lingue diverse. La nostra proposta era chiara. A Borgo c'è uno stagno da troppo fermo che sta diventando palude. Mi riferisco al blocco di potere che amministra da tempo il nostro paese. C'è bisogno di un cambiamento vero, di una svolta nei metodi e nelle scelte. Ma se nell'ambito dell'opposizione ognuno avesse alzato i propri stendardi, ben difficilmente sarebbe stato possibile aggregare. Per vincere non bastano le forze tradizionali dell'opposizione, occorre far entrare in gioco anche coloro che sono delusi dalla politica, gli scontenti della sinistra, quelli che non vanno più a votare: una lista libera, capace di raccogliere le più varie identità politiche, unita introno a un programma per il nostro paese e da un comune giudizio sull'insufficienza dell'attuale giunta potrebbe essere vincente. Purtroppo il Polo a Borgo non ha saputo uscire dal recinto. Ma per favore, non continuino con polemiche inutili e ricostruzioni falsate: pretendere che una lista civica sventolasse le insegne dei partiti del Polo era una contraddizioni in termini."

.Stefano Bologna, candidato del Polo, prende le distanze dai toni polemici di Forza Italia, e usa parole assai più tranquille: "Occorre rimettere a fuoco -dice- non la ricerca del potere ma i valori, quei valori che il pensiero sociale cristiano ha elaborato e che sono un patrimonio di cui hanno diritto di usufruire anche gli altri. Valori che non sono necessariamente legati a uno schieramento politico o a un altro, ma stanno "prima" di questi. Sono i valori che la chiesa stessa non fa che ricordare, soprattutto attraverso le encicliche sociali dei papi. Per porre in primissimo piano questi valori, penso che non sia necessario creare un nuovo partito, una nuova lista -anche se rispetto la scelta- , ma che si debba cominciare con l'operare all'interno dei diversi schieramenti perché tali valori vengano riconosciuti come fondanti per la società".

Chi al ballottaggio?
Margheri "vota" per Bologna: "Credo che un ballottaggio tra Ulivo e Rifondazione sarebbe un'anomalia politica: sono bipolarista e credo che la concorrenza debba essere tra centrodestra e centrosinistra". Cicali inveceÁ vota per sé: "Spero di esser io ad andare al ballottaggio, e magari potessi confrontarmi con la destra. Certo se la destra andasse al ballottaggio contro Margheri, noi non potremmo certo preferirla. Anche se ciò non significa che voteremmo Margheri. Se poi il ballottaggio fosse tra Ulivo e Lista LiberaÁ, la decisione è più aperta."

Nuovo sindaco per San Piero

A San Piero a Sieve si registra la novità principale. Non solo cambia il sindaco, ma si cambia sul piano politico. Tre liste concorrenti quattro anni fa, tre liste concorrenti oggi. Ma cambiano le alleanze. Rifondazione Comunista sbatte la porta -o viene messa alla porta (e candida Paolo Castelli)-, mentre entra invece in giunta il Partito Popolare, che la volta scorsa si era presentato da solo, e fa lista comune con diessini e socialisti sotto il simbolo "Centro sinistra per San Piero". Sul fronte del centro-destra invece si registrano minori novità: stesso candidato sindaco di quattro anni fa, Gianni Bonini, stesso simbolo e nome, "Fortezza e futuro", e pure conta nella rielezione in consiglio comunale l'attivissimo Pasquale Perrotta, passato con Forza Italia. "Finalmente i Popolari -dice Perrotta - hanno fatto una scelta chiara. Io lo dicevo da anni che il comportamento del PPI mirava all'accordo con il Pds: sostenevano di essere all'opposizione, ma poi nei fatti, salvo rari casi, erano omogenei alla maggioranza di sinistra. Ora gli elettori che li votarono, contando in un'opposizione seria, dovrebbero trarne le conseguenze: l'unica, credibile alternativa è rappresentata dalla nostra lista "Fortezza e Futuro"; quanto a me son pronto a rimboccarmi le maniche per continuare a fare in consiglio un'opposizione attenta e continua".

Sul fronte della maggioranza i giochi sembrano fatti, non senza qualche turbolenza nell'alleanza. Deciso il nuovo sindaco, con Alessia Ballini, già assessore, che prenderà il posto di Mauro Dugheri, vicesindaco dovrebbe essere il popolare Giacomo Ossadi. Germano Gasperini, segretario ppi è soddisfatto: "Quello di costruire una coalizione di centro sinistra era un obiettivo che da tempo perseguivamo. Abbiamo stilato e concordato un programma, abbiamo insieme individuato come candidato Alessia Ballini, la nostra rappresentanza in lista è molto qualificata, l'obiettivo politico è stato raggiunto". Gasperini glissa sui contrasti: "Le discussioni non sono mancate, ma il programma ci ha tenuti insieme", ed è duro sui concorrenti: "Di Rifondazione conosco il programma, che ha differenze sostanziali e una marcata ideologizzazione che me lo fa sentire lontano. Sul centro destra niente di nuovo, e non mi pare abbiano grandi possibilità: Bonini non mi sembra un uomo rappresentativo di San Piero, la lista è debole, quasi di testimonianza".

Più magnanima appare Alessia Ballini: "Ho un ottimo rapporto con Gianni Bonini, che è un amico, e per lui ho rispetto e stima. Del resto è bene che abbiano un programma, impostazioni, valori diversi dai nostri: la diversità fa bene alla politica". Il futuro sindaco rivendica la continuità con la giunta precedente: "E' stata un'esperienza parecchio positiva. Io vorrei portare un'attenzione particolare ai giovani e ai servizi sociali, e continuare nell'impegno a seguire i lavori legati all'Alta Velocità, che in questo momento stanno creando molte difficoltà. Penso anche alla necessità di dare nuove occasioni culturali e sociali al paese, affinché esso non divenga un paese dormitorio". Una parola infine sui rapporti politici: "La rottura con Rifondazione è stata sul programma; io, che sono di sinistra, ne sento dispiacere, anche se si deve prendere atto che vi sono due sinistre diverse. Quanto al PPI l'alleanza stava nelle cose: i rapporti sono stati coltivati in questi anni, vi è stata una preparazione a questa convergenza "storica", visto che per San Piero è la prima volta, un cammino fatto dentro il consiglio più che tra partiti, ed anche nella società, nei rapporti tra associazioni e persone".

 Barberino, una lista civica contro l'Ulivo

Quattro liste, quattro candidati-sindaco e una novità politica di rilievo. A Barberino il Polo non si presenta con le proprie insegne. Sulla scheda elettorale infatti i barberinesi troveranno il simbolo dell'Ulivo, che candida il diessino Gian Piero Luchi a succedere al diessino Paolo Cocchi, il simbolo dei Socialisti Democratici Italiani, con il candidato sindaco Claudio Braccesi, quello di Rifondazione Comunista, che candida il consigliere uscente Yuri Beverini, e il simbolo, nuovo, della Lista Civica per Barberino, con il suo candidato sindaco Annamaria Gianassi Agasisti. Niente AN, CCD e nemmeno Forza Barberino. "La nostra lista -spiega Annamaria Gianassi- ha avuto inizialmente impulso da una parte del Polo. Poi i partiti si sono tirati fuori e chi è nella lista civica lo è perché condivide obiettivi e contenuti del programma che abbiamo fatto insieme. E al di là delle idee e dei riferimenti politici che ognuno può avere lavoreremo per questi obiettivi." Perché la lista civica: "Ci siamo messi in gioco constatando la crescente disaffezione, la sfiducia, lo scontento, di tanti cittadini. Un gruppo di persone si è ritrovato, ha analizzato la situazione e ha sviluppato certe idee. Come cittadini di Barberino crediamo che sia importante esserci, per raccogliere in modo costruttivo la sfiducia e lo scontento che si manifestano in paese, per capire bene le motivazioni delle scelte fatte dall'amministrazione, per collaborare e dare un contributo, e naturalmente per dissentire quando non si è d'accordo. Non siamo contro qualcuno o qualcosa, siamo per."

I socialisti invece hanno scelto di presentarsi da soli: approcci con la lista civica ci sono stati, ma sono falliti. Forse, nel paese dell'europarlamentare Riccardo Nencini, si è sentito il bisogno di essere presenti con il simbolo proprio anche alle comunali.

E ai socialisti il candidato sindaco dell'Ulivo Gian Piero Luchi tende la mano: "Lavorerò per ricostruire un rapporto: in fondo nel nostro paese il centro-sinistra ha l'80% e questo divisioni non hanno più senso." La lista civica non lo preoccupa: "Il fatto che si presentino come lista civica e non come Polo, non cambia niente"; semmai Luchi vuole un comune più aperto, più vicino ai cittadini e confessa una preoccupazione: "Sarà difficile mantenere Barberino all'attenzione delle istituzioni superiori e anche del partito. Abbiamo raggiunto un livello molto alto, e non sarà facile mantenerlo: in questo non ho la statura politica e le capacità di Paolo Cocchi. Non mi preoccupa invece per niente il rapporto da instaurare con i cittadini. Con me sindaco non mancherà certo né la disponibilità né l'ascolto".

Luchi annuncia già la sua squadra, confermando per tre quarti la giunta precedente: "Alberto Lotti sarà vicesindaco e assessore all'urbanistica e allo sviluppo economico, Cristina Baldini, seguirà il bilancio, i tributi e i servizi pubblici locali, Annalisa Mocali avrà le deleghe per i servizi sociali e la cultura, mentre Pier Antonio Nencini si occuperà di sport, politiche giovanili e partecipazione. Le competenze circa scuola, lavori pubblici e personale infine resteranno a me. Baldini e Mocali saranno assessori esterni". La ragione delle molte conferme Luchi la spiega così: "Barberino non può attendere iniziazioni. Dobbiamo iniziare a lavorare da subito, senza perdere un giorno. Le persone che ho indicato le ritengo capaci ed esperte: anche Nencini era capogruppo, e per un breve periodo ha già fatto l'assessore esterno". Giunta uguale, chiarisce Luchi, non significa però che tutto resterà uguale: "Qualcosa cambierà, perché non voglio dare niente per scontato, e certe scelte fatte in passato, penso alla chiusura della scuola di Galliano, penso alla mensa scolastica e agli orari degli uffici, dovranno essere ridiscusse".

Firenzuola: nell'urna anche l'alta velocità?

Contro il sindaco Renzo Mascherini (DS) più che lo schieramento avversario potrebbero giocare i disagi sofferti da Firenzuola per i lavori dell'alta velocità. Se si guardano i risultati del passato la rielezione di Mascherini a capo di "Coalizione Democratica" parrebbe scontata, tanto più che, caso raro, a sostegno di Mascherini è confluita anche Rifondazione": ma è lo stesso Mascherini a mettere in guardia: "Il risultato non è scontato: per l'alta velocità c'è stata spaccatura in paese e non sono mancati i traumi per i momenti molto difficili vissuti. Anche perché pur avendo ottenuto risultati importantissimi, questi ancora non si vedono, mentre si avvertono forti i disagi". Nell'urna ciò potrebbe provocare qualche sorpresa. Mascherini rivendica i suoi meriti: "Per i prossimi 5 anni abbiamo un volano di risorse pari a 55 miliardi: è una prospettiva di investimenti straordinari. E poiché sono stato protagonista di questo risultato ho accettato di ricandidarmi per garantire una continuità". Sul piano politico Mascherini sottolinea la presenza anche di Rifondazione e annuncia il suo vice: "Sarà Michele Geroni, del Partito Popolare". E vede una differenza rispetto a quattro anni fa: "Allora furono liste frutto della società civile; stavolta i partiti sono tornati in gioco".

Alvaro Piancaldini, ex-direttore dell'agenzia della Banca di Credito Cooperativo di Piancaldoli, già consigliere per la stessa lista che ora capeggia, "Insieme per il nostro comune" non la butta in politica, e spera in un buon risultato. "Se è vero quel che sentiamo in giro c'è da attendersi parecchio. Perché nel nostro comune c'è un grande scontento verso la giunta Mascherini. Che avrà pure imbastito tanto, ma ha portato a fondo assai poco. E non hanno contatti con la gente: fecero un'assemblea 4 anni fa, l'hanno rifatta ora sotto elezioni. Mascherini -continua il candidato a sindaco del centro destra- vanta 55 miliardi: a parte che non è merito suo, perché le contropartite per l'alta velocità l'hanno date a tutti i comuni, non è il solo che ha il dono di saper gestire questi soldi. Anzi, il mio timore è che se ne faccia mangiare la metà, tra ingegneri, consulenze e burocrazia, visto che l'esperienza dice che per ciò che costerebbe uno ora si spende tre". L'insofferenza della gente si tramuterà in voti per la lista alternativa al centro sinistra? "Questo non lo so, perché tutti criticano, ma poi il voto alla fine glielo danno. Speriamo che questa volta non sia così". Alvaro Piancaldini è di Piancaldoli, la più distante frazione di Firenzuola: "Forse -riconosce lui stesso-, qualche abitante del capoluogo potrebbe non votarmi perché non sono di Firenzuola paese, perché vengo da Piancaldoli. Certo Mascherini viene da più lontano, visto che viene da Firenze.

La battaglia di Vicchio

4 anni fa la vittoria del centro-sinistra fu la più schiacciante di tutta la zona: 80 a 20, con due sole liste in campo. Oggi i candidati sono diventati quattro, e all'interno della sinistra è lotta fino all'ultimo colpo, con toni alti e polemiche al calor bianco, tra Coalizione Democratica, basata sull'alleanza tra DS, Popolari e Socialisti, che ripropone Alessandro Bolognesi, la lista di Apertamente, che candida Giuliano Noferini, e quella di Rifondazione Comunista. Anche se c'è chi non crede troppo a questa battaglia campale. "Macché battaglia -dice Iacopo Magaldi, coordinatore di Forza Italia, e tra i candidati consiglieri per il Polo (che ha per candidato sindaco Umberto Del Torchio)-: scommettiamo che passate le elezioni torneranno tutti nei ranghi? Ci sono troppi legami e interessi comuni fra i tre gruppi. La verità è un'altra. Questa è una manovra contro di noi. Se la sinistra fosse stata insieme come l'altra volta al centro-destra sarebbero andati i 5 seggi destinati alle minoranze, e 5 consiglieri d'opposizione avrebbero fatto male a tutti, avremmo potuto portare una forte voce. Invece più frazionano, più riducono l'opposizione vera".

Sinistra che tenta di far cappotto? Se è così, si è fin troppo immedesimata nella parte. Perché lo scontro è vivacissimo. In particolare tra Coalizione Democratica e Apertamente. Pds e Popolari a Vicchio non hanno potuto neppur fregiarsi del simbolo dell'Ulivo: "Nel centrosinistra -dice Adriano Gasparrini, dei Democratici, animatore di Apertamente- c'è una divisione vera. Noi non volevamo presentare una lista alle elezioni, ci bastava un candidato di rinnovamento. E invece ci volevano imporre il peggio dello stalinismo." Gasparrini non ha peli sulla lingua: parla di "cricca" formata da Bolognesi e popolari "casoliani": "Se pensavano che si trattasse di una questione personale con la Cimarossa si sbagliavano. Lei faceva parte di quella cricca, ma noi ci battiamo per questioni di fondo. Il paese si è spaccato a fette: si sono spaccati i Ds, si sono spaccati i socialisti. E l'alternativa è tra chi vuole il rinnovamento e chi non lo vuole, tra chi è per il dibattito e per chi è per una chiusura alla Ceausescu e vuole amministrare il potere senza render conto del suo operato". Gasparrini difende Vicchio: "Non dite per favore che siamo il paese più litigioso del Mugello. Qui non si letica perché abbiamo il sangue caliente o perché ci piace la cavalleria rusticana. Evidentemente a Vicchio c'è maggior senso democratico: c'è stata cioè una reazione alla strafottenza, allo strapotere di pochi, reazione che altrove non c'è. Negli altri comuni si mugugna, ma poi tutto rientra nell'alveo. Sono forse più democratici a Borgo e a Barberino, rispetto a Vicchio? Macché".

Il sindaco Bolognesi, che tenta di fare il tris (è sindaco dal 1990), evita la rissa: "La nostra azione -dice è improntata su una logica costruttiva, non facciamo polemica spicciola. Preferiamo pensare alle cose da fare per la Vicchio del prossimo decennio. Altri sollevano questioni di scarsa rilevanza politica, a cui non riesco a dare una spiegazione". Indirettamente Bolognesi conferma le voci di dissidi interni alla maggioranza (si parla di veti contro la presenza in giunta dell'assessore popolare Barbin): "C'è una discussione ancora aperta, anche se ho intenzione di annunciare i nomi degli assessori prima del 13 giugno. Occorre trovare il giusto equilibrio tra rappresentatività e funzionalità della giunta". Ma si dichiara tranquillo: "Non per la convinzione di vincere comunque, ma per il fatto che in questi anni abbiamo sempre lavorato nell'interesse del paese". Magaldi però puntualizza: "E' probabile che Bolognesi vinca nuovamente: col sistema elettorale basterà per lui avere un voto in più degli altri. Ma quattro anni fa aveva il consenso dell'80% dei cittadini, ora si troverà a gestire il potere con la maggioranza dei cittadini contro."

 Partita più aperta in Alto Mugello?

Novità e continuità, sia a Marradi che a Palazzuolo. A Marradi si ricandida a sindaco il ppi Giuseppe Matulli per la coalizione "Impegno per Marradi", che deve però mettere nel conto la rottura con Rifondazione Comunista, partito che presenta un proprio candidato, Claudia Gamannossi, mentre 4 anni fa l'area di centro-sinistra fu compatta; a Palazzuolo invece lascia Roberto Campomori e il suo posto è preso da Andrea Casini, d'area popolare, presidente dell'Agricoop, candidato per il "Centro sinistra per Palazzuolo", fronteggiato dalla lista del Polo, guidata da Paola Cavini, di Forza Italia, attiva ex-presidente della Pro-Loco.

L'imprevista presenza di Rifondazione a Marradi potrebbe creare qualche problema in più, anche se sulla carta (avendo ottenuto Matulli il 65% dei voti) il centro-sinistra dovrebbe farcela lo stesso. Ma il candidato sindaco di Forza Italia, AN, CCD e Federazione di Centro, Silva Gurioli Ridolfi, conta molto sull'insoddisfazione dei marradesi, che quattro anni fa votarono Matulli anche per la sua esperienza e per le entrature di ex-parlamentare: "Invece -nota Gurioli- Matulli non ha tolto un ragno dal buco, e ha saputo soltanto liquidare servizi e iniziative marradesi".

© il filo, maggio 1999
Cerca in questo sito gli argomenti sul Mugello che ti interessano powered by FreeFind
Copyright © 2006 - Best viewed with explorer - webmaster Stefano Saporiti contatti: info@ilfilo.net, Tel. 333 3703408