Link alla Homepage
Menu

Copertina gennaio 2008
La copertina del mese
GLI ARTICOLI
TRADIZIONI

LO STRAORDINARIO PRESEPE DEL SS. CROCIFISSO

Borgo nel presepe

Il presepe del SS. Crocifisso 2007 - giorno

Sono ormai diversi anni che un gruppo di volontari ci ha abituati ad attendere con curiosità l’apertura del presepe che viene allestito nella Cappella dei Neri, cappella unita alla chiesa del SS.Crocifisso di Borgo San Lorenzo.

Ogni anno infatti quei presepi costruiti e visitati da tantissime persone, vengono completamente smantellati. Tanti visitatori si meravigliano di questo e vedono la cosa con dispiacere,non sapendo che la cappella dei Neri ha, durante il resto dell’anno, un altro utilizzo. Da un certo punto di vista però, il fatto di ripartire ogni volta da zero, fa sì che il presepe del SS.Crocifisso non sia mai uguale a quello dell’anno precedente, quindi sia sempre una sorpresa.

Il presepe del SS. Crocifisso 2007 - notte

Molti anni son passati da quando S.Francesco ha allestito il primo presepe e da allora molte cose son cambiate, ma ancora come allora, in molti, per fortuna, resiste la voglia di rievocare la nascita di Gesù. Ho visto presepi di tanti tipi in questi ultimi anni, ho visitato città, chiese e strade dove sapevo che vi avrei trovato un presepe perchè il presepe “ è Natale” , perchè il presepe ti porta al vero senso della festa, perchè il presepe ti regala un’emozione intensa per quello che rappresenta. In casa mia si è sempre sentita forte la tradizione del presepe e bellissimi sono i ricordi di quando, bambina, lo facevo insieme ai miei fratelli: insieme a loro e al cane andavo “al fosso” per cercare il muschio ( ma noi lo chiamavamo “borraccino”) che allora si poteva raccogliere: se chiudo gli occhi e ci penso bene, sento ancora fra le mani la bellezza di quando trovavamo delle belle pellicce umide da staccare da terra o dai piedi degli alberi e ne annusavamo quell’odore particolare che si sprigionava soprattutto quando lo mettevamo ad asciugare in casa sui giornali. Erano anni in cui sicuramente si dava più importanza all’essere che all’apparire e i genitori ci avevano abituati a pregare anche davanti a quella che era solo una rappresentazione religiosa.

Il presepe 2007 del G.R.I.M. (particolare)Si sa che i figli raccolgono quello che i genitori seminano; ecco forse la ragione per cui mi piacciono tanto i presepi e mi piace quando le persone mettono impegno per cercare di farlo sempre al meglio. I presepi fatti con amore e sentimento, grandi o piccoli che siano,  sono sicuramente tutti belli: possono essere tradizionali, moderni, realizzati con svariati materiali od avere statuine fantasiose; l’importante è che ci sia  tanta dedizione e devozione in quello che viene riprodotto. Nel guardare un presepe non dobbiamo certo spostare il nostro sguardo dalla Natività che è il centro di esso, ma il fatto che ci sia la voglia di realizzarne di belli e particolari penso sia anche da stimolo a chi, un po’ distratto, sembra si sia dimenticato che più di duemila anni fa, un Bambino è nato per la nostra salvezza.

 

Cosa ci stavano preparando i volontari  che per un paio di mesi hanno lavorato all’idea e alla realizzazione del nuovo presepe,  penso sia ormai noto, vista l’enorme affluenza di visitatori che fanno ancora la fila ogni giorno per visitarlo.

A me piace quando posso andarci e, mescolata alla gente, riesco a carpire qualche impressione, soprattutto di stupore e meraviglia per come è stato ben realizzato: quest’anno è stato ricostruito il paese di Borgo San Lorenzo nei suoi punti più caratteristici…e allora, un po’ in disparte sulla sinistra si vedono le arcate del SS. Crocifisso, mentre dentro alle vecchie mura, attraverso una grata in ferro e un ponte levatoio che si alzano e si abbassano, possiamo vedere il movimento dei borghigiani nelle strade del centro. Oltre le mura, sapientemente riprodotte,troviamo la torre dell’Orologio, il campanile della Pieve e quello di Sant’Omobono, che, con la perfetta illuminazione, danno proprio la sensazione di esser veri. Tantissimi i personaggi in movimento anche nel resto del paesaggio dove trovano spazio montagne in lontananza da cui scaturiscono due fiumi che arrivano ad un laghetto (da dove ogni tanto si alza la nebbia del Mugello!). Per gustarsi in pieno la bellezza di questo presepe ci vorrebbe più di una visita perchè tante sono le accortezze e le particolarità inserite. Avete visto tutti per esempio il vero fumo che esce dai camini delle case e dal fuoco di bivacco che sembra proprio ardere la legna? Bello, veramente bello e suggestivo. Il gruppo delle persone che ha tanto lavorato per darci questo risultato, può dirsi soddisfatto della risposta avuta da chi viene a visitare il presepe, ma so per certo che la soddisfazione più grande per loro è quella di riuscire ad avere sempre idee da condividere per uno scopo comune e quindi l’esser riusciti a mettere a disposizione degli altri le proprie competenze e la propria creatività  e fantasia, è la ricompensa più grande.

A questo punto vorrei fare un appello a tutti gli insegnanti: mancano ancora alcuni giorni prima che questa costruzione venga distrutta, perciò, se al rientro dalle vacanze ne avrete la possibilità , fissate un appuntamento con il sagrestano Graziano e portate le vostre classi a visitare questo splendido presepe; una volta lì, non mancate di andare a vedere anche quello che è stato realizzato dai bambini dell’Oratorio G.R.IM. che, come tutti gli anni, mettono nel loro presepe una fantasia speciale:varrà la pena andarlo ad ammirare e capire come mai quest’anno i loro personaggi sono tutti animali.

Troverete chi vi accoglierà con gioia e potrà darvi anche qualche spiegazione.

Che non manchi la vostra firma sul quaderno dei visitatori!!!

 

                                                                                                      Angela Agostini

© il filo, Idee e notizie dal Mugello, gennaio 2008

Cerca in questo sito gli argomenti sul Mugello che ti interessano powered by FreeFind
Copyright © 2006 - Best viewed with explorer - webmaster Stefano Saporiti contatti: info@ilfilo.net, Tel. 333 3703408