Link alla Homepage
Menu

Copertina gennaio 2008
La copertina del mese
GLI ARTICOLI
folklore

Un presepe napoletano per ringraziare i Barberinesi

Quasi 40 metri quadrati, 7 quintali di gesso per modellare la iuta, sughero grezzo e intagliato.

A Barberino di Mugello l’evento natalizio di quest’anno –insieme alle Sante Messe celebrate nel garage della nuova sede della Bouturlin, per la chiusura della Pieve causa restauri- è stato senz’altro il grande presepe realizzato da Giuseppe Avola e Valentino Giordano.

Un presepe partenopeo come si facevano una volta: i paesini minuziosamente costruiti in lontananza, i personaggi tipici. L’ideatore e costruttore principale è stato Giuseppe Avola, che con Giordano ha passato tante serate, un anno intero, per realizzare l’opera. “A me i presepi piacciono tantissimo –dice-. L’anno scorso l’ho fatto in chiesa, che quest’anno però è chiusa per il restauro. Così ci hanno messo a disposizione la vecchia concessionaria Fiat, in viale Gramsci”. Avola ha voluto dedicarsi a questa iniziativa anche per un’altra bella motivazione: “Oltre che per ravvivare la tradizione del presepe, l’ho voluto fare per Barberino e i Barberinesi, che a suo tempo mi furono così vicini”. Anni fa, infatti, la famiglia Avola ebbe bisogno di aiuto, per consentire alla piccola Monica di effettuare un delicato trapianto di fegato a Parigi. E il Mugello rispose, con la consueta generosità. “Per me –dice Avola- questo presepio è anche un segno di gratitudine”.

 

© il filo, Idee e notizie dal Mugello, gennaio 2008

Cerca in questo sito gli argomenti sul Mugello che ti interessano powered by FreeFind
Copyright © 2006 - Best viewed with explorer - webmaster Stefano Saporiti contatti: info@ilfilo.net, Tel. 333 3703408