Link alla Homepage
Menu

La copertina di questo mese
La copertina di questo mese
Articoli
GIOVANI

INIZIATA LA GRANDE MANIFESTAZIONE PER I GIOVANI

E’ l’ora del Settembre Giovanile

Anche quest’anno è già avviata a Borgo San Lorenzo la classica manifestazione sportiva di settembre, il “Settembre Giovanile” promossa dal Centro Giovanile del Mugello. E’ la 47.ma edizione e si preannuncia ricca di partecipanti, competizioni e sorprese. Le attività che vengono svolte sono numerose; si va dagli sport più tradizionali come calcetto, pallavolo, pallacanestro, tennis ad altre più insolite: tiro alla fune, corsa coi sacchi, briscola, calcio-balilla, corsa con i carretti,.. e molte altre ancora.

Oltre che impegnare ragazzi e non, da qualche anno anche i bambini dai 7 ai 13 anni si confrontano in numerose discipline, nella sezione Juniores.

Inizialmente il Settembre Giovanile era infatti riservato solo ai ragazzi “grandi”; con la nascita dell’oratorio del G.R.I.M. si è creato un serbatoio da dove è stata attinta forza giovane che ha portato alla nascita di un torneo specificatamente dedicato ai più piccoli. Che quest’anno, tra l’altro, è ulteriormente arricchito e con diverse novità, come la gara di pesca, il nuoto e la gara di playstation durante la giornata dedicata ai motori.

Come nasce questo evento di festa e di incontro per l’intera zona mugellana? “Fu nell’immediato dopoguerra -racconta Don Leonardo De Angelis, che da quest’anno è il responsabile del Centro Giovanile- che i padri Salesiani cominciarono ad organizzare per il mese di settembre una manifestazione a carattere sportivo che coinvolgeva i giovani del paese e dei dintorni.

Il Settembre Giovanile si tramanda attraverso le diverse generazioni animando e colorando l’inizio dell’autunno borghigiano”,

Fin dalle origini il Centro Giovanile ha saputo sfruttare e organizzare il proprio spazio, rendendolo un punto di riferimento per i giovani e la loro crescita; questa manifestazione è un momento di festa, di aggregazione per le famiglie che si riuniscono per vedere la partita del figlio e si fermano, magari, a uno dei punti di ristoro per un gelato o qualche crepes, ma anche per chi segue la squadra dei propri amici, o per i piccoli partecipanti del girone Junior che hanno occasione per crearsi nuovi amici. Insomma, può rivelarsi un intelligente momento di unione per tutto il paese.

L’importante è che questo clima giocoso non venga guastato da un eccessivo agonismo o da azioni antisportive. “Lo spirito è di partecipare, giocare insieme per imparare a divertirsi”, sottolinea Umberto Righini, uno dei responsabili del Settembre Giovanile Junior.

Il Settembre Giovanile si regge e va avanti grazie al lavoro e l’organizzazione di tante persone che mettono a disposizione il proprio tempo: “Si dà molto, è un grande dispendio di tempo e di energie, ma quando poi vedi il Centro Giovanile pieno di ragazzi che giocano e si divertono, questo ti ripaga di tutto... -continua Righini- e la fatica allora non la senti. L’unica preoccupazione è che vada tutto bene e che tutti si divertano. Secondo me il Settembre Giovanile è davvero una grande occasione di incontro: consente l’avvicinarsi di persone nuove nel giro dei volontari, per dare una mano, si mangia in compagnia. Ed è un modo per animare il paese stesso: ad esempio, con il Settembre Giovanile Junior, abbiamo voluto organizzare alcune attività, dama, scacchi e calcio-balilla, nel centro storico borghigiano”.

Quest’anno la conclusione si terrà domenica 25 con la tradizionale “Giornata della Fraternità” per disabili e portatori di handicap giunti da tutta la Toscana. Dopo l’accoglienza del mattino sarà celebrata la Messa, per poi pranzare tutti insieme, condividendo momenti di fraternità, e a seguire si esibiranno vari gruppi musicali.

 “Non solo sport, dunque -nota Don Leonardo- ma incontro, condivisione, volontariato, divertimento, sana competizione; questi gli ingredienti principali del Settembre Giovanile, nella consapevolezza che le realtà importanti, belle e che “fanno bene” al corpo e allo spirito vanno incoraggiate e tramandate perché coloro che nel passato le hanno vissute da ragazzi, oggi diventino i responsabili, gli animatori, coloro che le ripropongono non semplicemente come un qualcosa da tirare fuori dall’armadio dei ricordi e da rispolverare, ma da far rivivere all’uomo, giovane o no, di oggi.”

Irene Guidotti

 

© il filo, Idee e notizie dal Mugello, settembre 2005

Cerca in questo sito gli argomenti sul Mugello che ti interessano powered by FreeFind
Copyright © 2006 - Best viewed with explorer - webmaster Stefano Saporiti contatti: info@ilfilo.net, Tel. 333 3703408