Link alla Homepage
Menu

La copertina di questo mese
La copertina di questo mese
GLI ARTICOLI
ARTE & FEDE

SANTA MARIA A VEZZANO

L’ANTICO TABERNACOLO DI SANT'IPPOLITO E SAN CASSIANO

Sulla strada che da Borgo San Lorenzo porta a Santa Maria a Vezzano, in località detta “Il Brinchio” nei pressi di una casa colonica, esiste un antico tabernacolo lasciato in balia delle intemperie e collocato tra masserizie di ogni genere.

 Questo rudere solitario è sopravvissuto nei secoli a testimonianza della presenza in questo luogo dell’antica cappella di S.Ippolito e S.Cassiano. Nei numerosi libri esistenti sul Mugello (si veda ad esempio la “Guida del Mugello e della ValdiSieve” del Niccolai) e in cartine d’epoca viene rammentata questa chiesa o questa cappella che, in epoca lontana, era riconducibile al patronato dei Della Casa prima e della famiglia Mei poi. Fu infatti inglobata nella chiesa di S.Maria a Montefloscoli, che si trova vicino a Mucciano, anche se il patrocinio di San Cassiano fa intravedere un legame pure con la parrocchia di San Cassiano in Padule.

Il tabernacolo, inglobato sui resti delle mura dell’antica cappella, è di splendida fattura ad edicola con due eleganti colonne laterali dotate di basamento e architrave, con un gradino di accesso versp l’interno dove si può ammirare (seppur coperto dalle macerie) un piccolo altarino in pietra; sopra l’altarino vi è poi un’affresco in pessimo stato di conservazione  che risale ad epoca antica, forse al 1500/1600. In considerazione della fattura rurale e di alcuni particolari si può ritenere che sia opera di un pittore locale con caratteristiche riprese però dalla scuola Fiorentina dell’epoca.

L’affresco, molto deteriorato, fa comunque intravedere una Madonna con Bambino ai cui lati sono raffigurati proprio i santi Ippolito e Cassiano.

E’ davvero penoso vedere questo bel tabernacolo, che ha ispirato anche alcuni miei dipinti, marcire così, nell’indifferenza generale, soprattutto considerato che, dato il modesto volume strutturale, per essere riparato e conservato meglio non sembrerebbe aver bisogno di grossi investimenti economici.

Chi è interessato può contattarmi e comunque voglio tramite “Il Filo” fare un appello a tutti coloro che leggeranno questo articolo ad intervenire nel modo che riterranno più opportuno per non perdere un’altra gemma che ancora sopravvive nelle campagne del nostro splendido Mugello.

Fabrizio Scheggi
Santa Maria a Vezzano

 

 

© il filo, Idee e notizie dal Mugello, maggio 2006

Cerca in questo sito gli argomenti sul Mugello che ti interessano powered by FreeFind
Copyright © 2006 - Best viewed with explorer - webmaster Stefano Saporiti contatti: info@ilfilo.net, Tel. 333 3703408