Link alla Homepage
Menu

La copertina di questo mese
La copertina di questo mese
Articoli
Dibattiti

UNA GESTIONE UNICA PER TEATRI E MUSEI MUGELLANI

Teatro e cultura,
novità in arrivo?

Riccardo Sottili è attore e regista. Ma come presidente dell'associazione "Occupazioni Farsesche", che da sette anni gestisce il teatro comunale di Barberino di Mugello, Sottili (nella foto a lato) si è trovato a fare spesso l'operatore culturale, e ad occuparsi in modo diretto della politica della cultura in Mugello.

 

Così la presentazione della prossima stagione di prosa del teatro barberinese è anche l'occasione per fare un'analisi dello "stato di salute" della cultura in Mugello, e in particolare delle attività promosse dagli enti pubblici.

 

Il presidente di "Occupazioni Farsesche" è tipo esigente: così, nonostante la buona qualità degli spettacoli proposti, definisce il programma di quest'anno "una stagione di transizione", riferendosi al fatto che è in scadenza il rapporto tra l'associazione e il comune di Barberino per la gestione del teatro. Così gli spettacoli sono diminuiti di numero, da dieci a otto, pur mantenendo uno standard qualitativo di tutto rispetto, con gruppi affermati e spettacoli di rilievo, quest'anno selezionati, sintetizza Sottili, "all'insegna della leggerezza, dell'ironia e della musica: la maggior parte degli spettacoli sono di teatro musicale, un genere poco frequentato finora, a dimostrazione che non siamo ingessati in forme fisse, come il classico teatro di prosa".

 

Questa potrebbe comunque essere l'ultima stagione targata "Occupazioni Farsesche": è infatti in discussione, a livello mugellano, un'ipotesi di gestione integrata dei servizi culturali, dai musei ai teatri e alle biblioteche, con la creazione di un nuovo soggetto gestore unico. Sottili ci conta: "Anche per il teatro di Barberino molto è legato a questa prospettiva. Altrimenti il rischio grave è quello di vedere un forte ridimensionamento dell'offerta culturale, ingessata in forme localistiche. L'esigenza di unire le forze è forte: il Mugello è rimasto una delle ultime aree della Toscana, se non l'ultima, che non si è organizzata in tale senso. Sia chiaro: non possiamo dire che in Mugello non c'è nulla e non si fa nulla per la cultura. Non siamo una zona depressa. Ma se è così, allora il problema sta nel manico, ovvero esiste un evidente problema di gestione e organizzazione della cultura in Mugello".

 

Troppa frammentazione insomma, troppe ripetizioni, scarso coordinamento, con i comuni che procedono spesso in ordine sparso: "In questo modo si spende in modo frazionato e disperso, si spende poco e male. Invece c'è la necessità di attirare nuove risorse, sia dal pubblico che dai privati. E per far questo occorre individuare uno standard qualitativo più alto, affinché l'appeal della proposta sia in grado di porci all'attenzione regionale se non nazionale. Nessuno è infatti interessato a investire, se la ricaduta è esclusivamente locale. Ed oggi, va riconosciuto, manca questa capacità di attrazione. Basti pensare all'estate: che una zona come questa non riesca ad avere una manifestazione di area, sommando eventi, spettacoli e iniziative, è assurdo: invece ognuno fa le sue cose, chi con più sagre chi con meno, e questo non è funzionale, riferendosi solo ad un consumo, a una funzione locale. E il Mugello certo non ne trae gran beneficio. Altra cosa sarebbe invece se gli eventi culturali avessero spessore e rilievo anche esterno, connettendosi così con il rilancio dell'area e con la sua valorizzazione turistico-ambientale."

 

Ecco quindi l'ipotesi di un soggetto gestore unico: "Le forme -dice Sottili- possono essere diverse, dall'associazione tra comuni alla S.p.A; l'importante è che sia un soggetto agile e snello e che soprattutto si riesca a concretizzare. Perché le difficoltà non mancano, a cominciare dalla necessità di fissare un minimo di obiettivi comuni. E non sarebbe male neppure una maggiore velocità da parte delle diverse amministrazioni locali nel soppesare e decidere".

TEATRO COMUNALE

IL CALENDARIO

DELLA STAGIONE DI PROSA

A BARBERINO

venerdì 3 novembre

"Carogna Suite" - Virtuosi di San Martino

venerdì 24 novembre

"La cameriera brillante" di Goldoni - Pantakin

venerdì 15 dicembre

"M'illuminoÁ Breve viaggio nel cuore della parola con i poeti italiani del XX secolo"Franco Di Francescantonio

venerdì 12 gennaio

"Oscar Wilde & C. Maledetto amore mio"

Teatro Studio XX Secolo

venerdì 2 febbraio

"Portraits. Battuta - Scherzo in 4/4" - Aringa e Verdurini

venerdì 23 febbraio

"Pompieri" - Compagnia Donati-Olesen

venerdì 16 marzo

"Le zie. Operina da camera" - Teatro Cargo

 venerdì 7 aprile

"Boris Vian. Le canzoni" - Fort Alamo

INFORMAZIONI: TEL. 055-841237

 

© il filo, Idee e notizie dal Mugello, ottobre 2000
Cerca in questo sito gli argomenti sul Mugello che ti interessano powered by FreeFind
Copyright © 2006 - Best viewed with explorer - webmaster Stefano Saporiti contatti: info@ilfilo.net, Tel. 333 3703408