Link alla Homepage
Menu

La copertina di questo mese
La copertina di questo mese
Articoli
Musica

Sulla ribalta nazionale 

la band mugellana

ED ORA..., I TETTI TOSCANI!

"Tetti toscani": sembra il nome di un quadro, è invece il nome che hanno scelto per il proprio gruppo Antonio Stefanini (basso), Pietro Stefanini (tastiere) di Borgo San Lorenzo, Francesco Sighieri (chitarra) di Scarperia e Stefano Luchi (percussioni) di Firenze. Questa formazione nasce all'inizio dell'89 quando Luchi si aggrega agli altri che suonano già insieme con il nome di Brain Damage. Nello stesso anno, ancora con il vecchio nome, partecipano al Rock Concert di Scandicci, si classificano secondi e vincono una incisione su CD; si fanno poi conoscere esibendosi in varie parti d'Italia. In seguito, nel '90 e '91, partecipano con,risultati positivi al concorso promosso a Milano dalla Yamaha e nel '92 si esibiscono a Roma al Palaeur durante la manifestazione Europa Unita. Sempre nel '92 Alessandro Benvenuti li chiama come comparse nel suo film "Zitti e mosca". Hanno  già  inciso tre demo e da tempo collaborano con il produttore Luca Nesti. La storia recente li ha visti in concerto all'auditorium di Borgo San Lorenzo il 13 maggio e vincitori della finale regionale del concorso "Emergenza Rock" che si è tenuta all'auditorium Flog di Firenze il 22 maggio 1994. Rivolgiamo qualche domanda ad Antonio e Pietro.

 Potreste sintetizzarci la vostra evoluzione musicale?

All'inizio, una decina di anni fa, facevamo riferimento alla musica dei Genesis, Pink Floyd e Jetro Tull per poi passare all'hard rock stile Bon jovi senza disdegnare i gruppi storici italiani (Banco, PFM); in seguito ci siamo spostati verso la musica americana tipo Toto però, la decisione di cantare in italiano ha reso piuttosto banale quel tipo di musica, che è abbastanza semplice, quindi abbiamo di nuovo corretto il nostro stile posizionandoci a metà fra un rock duro e la canzone italiana (tipo Sanremo) creando uno stile abbastanza personale.

Come mai avete cambiato nome e come avete scelto il nuovo

La decisione di cantare in italiano ci sembrava in contrasto con un nome straniero, da qui la necessità di trovare un altro nome, nome che deriva dal titolo di una canzone tratta da un poema del Betocchi.

Quanto costa mettere su un complesso? Oggi ne avete un riscontro economico? 

All'inizio la spesa è stata modesta poi l'evoluzione stessa degli strumenti e la necessità di fare musica competitiva, ci ha costretti a comprare una strumentázione che nel complesso ammonta ad alcune decine di milioni. Per quanto riguarda i guadagni, se non facessimo alcune serate, che però non. sono in linea con i nostri obiettivi artistici e musicali, saremmo sempre a rimessa.

Quali sono le vostre aspirazioni? 

E' evidente che il nostro sogno è quello di far diventare la musica la nostra attività primaria, anche perché ritrovarsi per comporre dopo una lunga giornata di lavoro, non è proprio ottimale. Comunque, dopo aver più volte battuto la testa in tempi passati, non ci facciamo illusioni; è evidente che per avere successo bisogna contattare molta gente, darsi da fare e soprattutto trovare un produttore disposto a spendere per incidere un disco; non è certo un campo in cui è facile emergere.

Cosa consigliereste a dei giovani che vogliono iniziare a suonare? Innanzitutto di non farsi troppe illusioni, poi l'importante è evidentemente saper suonare bene; premesso questo e disponendo di una buona strumentazione, va detto che ci sono due strade che un gruppo musicale può intraprendere: se si dispone di una buona tecnica, diventare strumentisti e seguire le tournee dei cantanti o diventare compositori per creare la propria musica. La prima strada è più facile ma il lavoro non, è sempre assicurato perché la concorrenza è numerosa. Nella seconda per avere successo, oltre ad una certa creatività, bisogna avere la fortuna di essere notati da persone che contano.

Servizio di Donatello Bruschi

© il filo, Idee e notizie dal Mugello, giugno 1994
Cerca in questo sito gli argomenti sul Mugello che ti interessano powered by FreeFind
Copyright © 2006 - Best viewed with explorer - webmaster Stefano Saporiti contatti: info@ilfilo.net, Tel. 333 3703408