Link alla Homepage
Menu

La copertina di questo mese
La copertina di questo mese
Articoli
Società - Solidarietà
LA "LEVA GIOVANILE" A SERVIZIO DEI MINORI

Progetto Tutor, l'aiuta-bambini

il calendario delle assemblee di presentazione, comune per comune

"Anche a me sarebbe piaciuto avere un tutor": lo confida uno dei giovani mugellani che un anno fa ha accettato la proposta di diventare "tutor" di un ragazzino in difficoltà scolastiche. E anche quest'anno sta per essere rilanciata la "leva giovanile", che propone a tutti i giovani del Mugello, dai 19 ai 30 anni, di mettere a disposizione una parte del loro tempo, a servizio dei loro "fratellini" più piccoli.

E' il Progetto Tutor, al quale partecipano 12 comuni diversi. Al momento sono 98 i minori seguiti grazie al Progetto, da 79 tutor attivi: 25 sono i giovani attualmente impegnati a Borgo San Lorenzo, che seguono 28 minori, 19 sono i tutor di Barberino, per 22 minori, 8 a Vaglia, con 10 minori, 6 a Dicomano, con 8 minori, 6 tutor a San Piero, con 9 minori, 6 a Scarperia, i quali seguono 6 ragazzini e 6 a Vicchio, per 9 minori, e un tutor a Palazzuolo, che segue 3 minori. Zero tutor invece a Londa, Marradi e Firenzuola, dove in passato qualche giovane si era detto disponibile, ma non ha poi continuato.

"E' davvero un progetto bello e innovativo -dice convinta Angela Valeri, assistente sociale presso la Comunità Montana, che da alcuni mesi sta seguendo i Tutor mugellani-: consente infatti di stare accanto a minori con difficoltà didattiche, anche causate di problemi familiari, a bambini che hanno difficoltà di socializzazione e di relazione e problemi di comportamento. E i nostri tutor spesso, pur non essendo professionisti, hanno fatto cose egregie, riuscendo davvero ad aiutare questi ragazzini, ed anche le famiglie, offrendo occasioni di stimolo, ed indicando ai genitori, con il loro comportamento, nuove vie, un modo diverso di rapportarsi con i loro figli".

Tra gli elementi innovativi del Progetto vi è il connubio tra volontariato e servizio pubblico, che "recluta" i giovani, e si impegna a dare un'adeguata formazione, prima di affidar loro i minori. E ci "guadagnano" tutti: ne trae beneficio la struttura pubblica, che riesce ad offrire un servizio a basso costo, attivando energie fresche e motivate, ci guadagnano i minori, che non avrebbero altrimenti altre cure, ne hanno vantaggio le famiglie e la scuola, ma ci "guadagnano" gli stessi giovani tutor, che in cambio ricevono un'esperienza importante, imparando a prendersi cura dell'altro, a rapportarsi con realtà diverse, stabilendo relazioni spesso molto coinvolgenti.

Non mancano comunque i problemi: vi sono scuole che forse non hanno compreso il progetto, con gli insegnanti che si rifiutano, in qualche caso, di segnalare i ragazzi che avrebbero bisogno dell'affiancamento da parte di un tutor: "e invece -nota Valeri- il ruolo degli insegnanti è molto importante nella rilevazione del disagio". Anche sul fronte dei comuni c'è qualche lacuna: talvolta si è aderito al Progetto, ma senza una grande sensibilità: "Bisogna stare attenti -sottolinea l'assistente sociale-: i giovani volontari non possono soltanto essere chiamati: occorre poi seguirli, dando loro quegli strumenti necessari per far bene il loro compito, e soprattutto non vanno lasciati a se stessi".

Ora la "leva giovanile" sta per avere inizio: i minori che avrebbero bisogno di un tutor, nei vari comuni mugellani, sono tanti, e contano sulla disponibilità di un buon numero di "fratelli maggiori".

IL CALENDARIO DELLE ASSEMBLEE, COMUNE PER COMUNE

In questi giorni stanno partendo quasi 10 mila lettere, indirizzate a tutti i residenti dei comuni di Vaglia, Borgo San Lorenzo, Dicomano, San Godenzo, Londa, Marradi, Firenzuola, Palazzuolo sul Senio, San Piero a Sieve, Scarperia, Barberino e Vicchio, di età compresa tra i 19 e i 30 anni. L'argomento è la "leva giovanile" per il Progetto Tutor, e l'invito, che viene dal sindaco di ciascun comune, rivolto ai giovani, è quello di mettere a disposizione qualche ora settimanale del proprio tempo, a servizio dei minori in difficoltà. Nell'invito si propone un'assemblea, per meglio spiegare l'iniziativa, convocata dai comuni nella loro sala consiliare.

Questo il calendario delle assemblee:

lunedì 18 ottobre 1999, ore 18.30 BORGO SAN LORENZO

lunedì 18 ottobre, ore 21.30 DICOMANO

martedì 19 ottobre, ore 18.30  PALAZZUOLO SUL SENIO

mercoledì 20 ottobre, ore 18.00 SAN PIERO A SIEVE

giovedì 21 ottobre, ore 18.30 VAGLIA

giovedì 21 ottobre, ore 21.30 SCARPERIA   e   BARBERINO DI MUGELLO

venerdì 22 ottobre, ore 18.30   LONDA

venerdì 22 ottobre, ore 21.30  VICCHIO

sabato 23 ottobre, ore 21.00  FIRENZUOLA

lunedì 25 ottobre, ore 18.30  MARRADI

lunedì 25 ottobre, ore 21.30  SAN GODENZO

© il filo, Idee e notizie dal Mugello, ottobre 1999
Cerca in questo sito gli argomenti sul Mugello che ti interessano powered by FreeFind
Copyright © 2006 - Best viewed with explorer - webmaster Stefano Saporiti contatti: info@ilfilo.net, Tel. 333 3703408