Link alla Homepage
Menu

La copertina di questo mese
La copertina di questo mese
Articoli
Società - Comuni
IL SINDACO DI BORGO SAN LORENZO RISPONDE

La discarica ci vuole...

Antonio Margheri, sindaco di Borgo San LorenzoIn relazione all'articolo "Trasparenza (poca) in discarica" apparso nello scorso numero de "Il Filo", il Sindaco di Borgo San Lorenzo Antonio Margheri tiene a precisare quanto segue.

 

Una vecchia immagine di raccolta differenziata "poco efficiente" a Borgo San LorenzoNon possiamo mettere la testa sotto la sabbia come gli struzzi.

Borgo San Lorenzo ha scelto di affrontare coraggiosamente la questione complessa dei rifiuti con un piano preciso e coerente per la previsione d'impianti necessari a garantire l'autosufficienza del loro smaltimento, senza i quali, non lo nascondo, si manifesterebbero pesanti ripercussioni negative sulle tariffe della nettezza da applicare ai cittadini (oltre il 70% di aumento nei prossimi 2 anni).

Due sono le direzioni intraprese dall'Amministrazione comunale: l'incremento della raccolta differenziata, con l'affidamento alla gestione della Publiambiente, l'impiantistica necessaria al trattamento e riutilizzo rifiuti. Sembrano in apparenza due direzioni contrastanti o discordanti, ma non è così. Perché il costante incremento della raccolta differenziata (frutto anche di una ritrovata coscienza ecologica) non è purtroppo accompagnato da una diminuzione della produzione dei rifiuti. Il che vuol dire che dividiamo e raccogliamo i rifiuti (carta, cartone, vetro, plastica, lattine e parte organica) ma consumiamo ancora tanto e sempre più. Gli sforzi dell'Amministrazione comunale vanno, quindi, in queste due direzioni: potenziare la raccolta differenziata, accompagnandola con campagne di sensibilizzazione e "formazione" al consumo "corretto", ma anche al trattamento e smaltimento dei rifiuti indifferenziati. Ricordiamoci, il sacchetto con tutto il suo contenuto, non scompare come per magia nel cassonetto. Un'Amministrazione ha il dovere di amministrare, di prendere decisioni, di fare scelte, a volte dure, a volte impopolari, spiacevoli o sgradite ma necessarie, per la vita di una comunità, di un paese e di un territorio.

La scelta di Borgo San Lorenzo è, insomma, quella di voler contare su una dotazione impiantistica nel settore del riutilizzo di prodotti della raccolta differenziata (impianto di compostaggio a Faltona) e dello smaltimento (discarica di Vigiano) proprio per poter affrontare e governare nel migliore dei modi tutta la complessa questione dei rifiuti. Se nel primo caso (Faltona) si tratta di un nuovo impianto, nel secondo (Vigiano) si tratta di utilizzare ulteriormente l'attuale area della discarica che, anche se non in modo continuativo, è attiva dal 1986. Entrambi i progetti devono rispondere a forti esigenze di garanzie ambientali e di qualità (non a caso saranno sottoposti alla Valutazione d'Impatto Ambientale). In particolare per Vigiano, il nuovo progetto consentirà di razionalizzare e migliorare la gestione e la post-gestione dell'impianto (bio-gas, percolato, inserimento e ripristino ambientale), nonché contribuire a contenere fortemente i costi che sarebbe necessario sostenere per esportare i nostri rifiuti in altri impianti. Intendiamo quindi andare avanti ricercando in primo luogo le massime garanzie per l'ambiente e i cittadini. In tale contesto poco ci interessano le strumentalizzazioni non accompagnate da proposte di alcuni gruppi politici Da circa un anno le intenzioni dell'Amministrazione Comunale erano chiare e contenute in atti ufficiali approvati dal Consiglio Comunale: verificare la possibilità di utilizzare ancora Vigiano per lo smaltimento dei rifiuti. Ho sfidato le opposizioni a fare proposte alternative che avessero la stessa efficacia. Non ho ancora sentito nulla in proposito. E' davvero grottesco il fatto che dopo un anno si lamenti scarsa trasparenza. Il progetto per le 200.000 tonnellate a Vigiano non è stato assolutamente "stoppato", come si è erroneamente scritto e affermato sulla stampa, ma sta seguendo il normale iter che lo condurrà (a proposito di trasparenza e garanzie) alla procedura di Valutazione d'Impatto Ambientale. Il progetto, su cui abbiamo richiesto l'autorizzazione della Provincia, riguarda un limitato ulteriore utilizzo di Vigiano. Tuttavia, questa ulteriore utilizzazione della discarica non può prescindere da un controllo costante, regolare ed efficiente della gestione, nel rispetto dell'ambiente e della tutela della salute di coloro che risiedono nelle zone circostanti.

Questa è l'impostazione dell'Amministrazione comunale di Borgo; questo il "disegno" (non creiamo un clima di sfiducia o fortemente critico paventando "disegni" o "piani segreti" di altra natura!) che abbiamo nell'interesse di tutti.

Non possiamo e non dobbiamo, a mio avviso, mettere la testa sotto la sabbia.

ANTONIO MARGHERI
sindaco di Borgo San Lorenzo

Prendiamo atto delle spiegazioni del sindaco di Borgo San Lorenzo. Anche se sollevare dubbi e domandarci ragione di certe scelte non può essere definito "mettere la teste sotto la sabbia". La nostra contestazione era sulla scarsissima informazione e discussione preventiva circa una scelta rilevante come quella di continuare ad ospitare, a poca distanza da centri abitati, un impianto di smaltimento dei rifiuti, ancora per dieci anni, ed aperto alla nettezza di tutta la zona e forse anche della provincia. Un impianto, quello di Vigiano, che doveva già essere chiuso, perché il piano provinciale dei rifiuti prevedeva ben altre soluzioni. Che non sono state finora attuate. Rilevare i ritardi -per quanti anni si è discusso circa l'affidamento in gestione della raccolta e smaltimento dei rifiuti, prima di fare una scelta, scelta tra l'altro che ha portato ad individuare un gestore senza alcun tipo di gara?- non credo sia voler mettere la testa sotto la sabbia. Ed è opinabile anche la versione dei fatti del sindaco circa lo "stop" dato dalla Provincia: sarà pure un "iter normale", ma i rilievi fatti dalla Commissione provinciale sulla pessima conduzione dell'impianto tanto normali non sono.

PAOLO GUIDOTTI

il filo, Idee e notizie dal Mugello, marzo 2001
Cerca in questo sito gli argomenti sul Mugello che ti interessano powered by FreeFind
Copyright © 2006 - Best viewed with explorer - webmaster Stefano Saporiti contatti: info@ilfilo.net, Tel. 333 3703408