Link alla Homepage
Menu


La copertina del mese
GLI ARTICOLI
personaggi - arte

IL PITTORE DI RUFINA

Giulio Zuccaletti

La Val di Sieve e il Mugello non sono mai stati avari di artisti. Scultori, poeti ma soprattutto pittori dai nomi eclatanti vissuti qui in epoca medievale e rinascimentale, hanno impresso un sigillo indelebile nella cronologia storica della pittura mondiale.

Nei secoli successivi, fino ai nostri giorni, appare comunque immutato anche in artisti minori, quel desiderio spontaneo di elevare costantemente il livello culturale del nostro territorio.

Anche Giulio Zuccaletti, pittore impressionista contemporaneo, compare attivo interprete di questo ideale che si materializza nelle pennellate più sensibili ed espressive delle sue opere.

Originario di Vasto (Chieti), ”Giulio” (tutti lo conoscono così in paese), giunge a Rufina all’inizio degli anni cinquanta e trova subito lavoro come parrucchiere da Giorgio Vannini, anch’egli pittore, con il quale dividerà a lungo professione e passione per la pittura.

Spende i suoi colori per l’essenza di quel paesaggio incantato che lo circonda dal quale trae ispirazione per immortalare magistralmente gioiosi riflessi di luce o dolci sfumature, specchio fedele di un animo aperto e disponibile, del resto così evidente in ogni parola o gesto dell’artista.

Ben presto la sua bottega di barbiere diverrà una galleria d’arte vera e propria a lungo visitata dai più noti colleghi artisti della zona.

Pur non frequentando nessuna scuola ad indirizzo artistico, Giulio Zuccaletti apprende i fondamentali sul colore dalle indicazioni preziose di un grande pittore come Silvio Loffredo; presidente dell’Accademia delle Belle Arti di Firenze. Gli incoraggiamenti di altri “pennelli” celebri come Degam, Lido Bettarini, Paolo Galli e Alessandro Parrini, sono di stimolo al proseguimento dell’attività che lo vede premiato in concorsi nazionali e mostre collettive delle quali è talvolta promotore poiché membro dell’Associazione Attività Culturali e Artistiche Vis-Rufina. La sua ultima “personale” tenuta a Rufina nel dicembre scorso, ha riscosso lusinghieri consensi dalla critica ed un elevato numero di visitatori.

Questa la sintesi di un lungo cammino artistico, percorso sempre con tenacia e costante ricerca di uno stile figurativo personale, spesso originale, raggiunto solo attraverso lo studio attento del colore e delle varie tecniche d’impiego che si concretizza in opere di qualità davvero notevole.

Un’abilità in continua crescita che nel declamare la maturità professionale dell’artista, vuole offrirci interminabili sensazioni di delicatezza ed armonia, caratteristiche care a Giulio Gaetano Zuccaletti, che gli consentono di perdersi nel respiro lieve della natura, per mostrarci forse la bella immagine interiore di se stesso.

 Massimo Certini

 

 

© il filo, Idee e notizie dal Mugello, maggio 2007

Cerca in questo sito gli argomenti sul Mugello che ti interessano powered by FreeFind
Copyright © 2006 - Best viewed with explorer - webmaster Stefano Saporiti contatti: info@ilfilo.net, Tel. 333 3703408