Link alla Homepage
Menu

La copertina di questo mese
La copertina di questo mese
Articoli
Società - Sport
UNA GUIDA PER SCOPRIRE 
LA NOSTRA ZONA IN BICI.

Mugello
su due ruote

Non è una proposta da fare a tutti: ma per chi ha fiato e gambe buone, ed ama uscire in bici, le strade del Mugello sono un paradiso. Franco Ballerini, vincitore della Parigi-RoubaixLo dice anche Franco Ballerini, trionfatore della Parigi-Roubaix, che per molti anni ha vissuto in Mugello: "Il Mugello -dice il noto ciclista- è conosciuto nel mondo per la presenza dell'autodromo Ferrari e per le gare del motomondiale. Non tutti sanno che è possibile fare percorsi in bicicletta su affascinanti strade e stradelle, circondati da una natura ancora incontaminata e incontrando pochissimo traffico".

Per questo è di grande utilità un'agile guida, predisposta di recente dalla Comunità Montana del Mugello-Alto Mugello-Val di Sieve, dal titolo "Pedalando fra castagni e viti. Tra valli, colline, vette e passi con la bici da corsa". E forse l'unico neo della nuova iniziativa editoriale è solo il periodo scelto per il lancio, l'autunno anziché la primavera. Ma gli amanti delle due ruote sono avvertiti e faranno bene a richiedere la guida subito, conservandola anche per la prossima stagione.

Ciclisti a San Cresci (Borgo San Lorenzo). Foto NoferiniI più pronti potranno comunque già sperimentare l'ottima fattura della pubblicazione, che offre perfino una bustina di plastica con le schede riassuntive dei sette percorsi, da tenere in tasca e consultare durante le escursioni.

Se la guida è un ottimo servizio per il turista, straniero e italiano, che ama portar con sé la bicicletta, sarà sicuramente apprezzata anche dai tanti ciclisti mugellani, giovani e meno giovani, che alle più varie velocità percorrono le strade del Mugello. Potranno vedere i loro percorsi abituali con occhi nuovi: le pagine della guida offrono infatti una descrizione "ciclistica" delle tappe, alcuni cenni sulle località da vedere, ed un'utilissima scheda tecnica sulle difficoltà del percorso. Perché ce n'è davvero per tutte le gambe. Ciclisti a Scarperia. Foto NoferiniIl più temibile è senz'altro il quinto itinerario, che ti porta in Alto Mugello facendoti affrontare ben sei passi, mentre più accessibile è il primo percorso che copre l'anello di strada intorno alla Sieve, da Borgo San Lorenzo fino a Dicomano. Non mancano neppure le indicazioni sull'intensità del traffico, gli indirizzi dei punti di assistenza per biciclette e un buon apparato fotografico. "Fare il cicloturista da queste parti riconcilia con il mondo -dice il ciclista Franco Ballerini, che le strade del Mugello conosce bene - anche e soprattutto per la presenza di tanti piccoli ristori in cui fare gustose merende e stare in compagnia con gli amici. Vi invito dunque a venire nel Mugello e a provare i percorsi di questa guida". Guida che può essere richiesta all'ufficio turismo della Comunità Montana, tel. 055-8495346 (e-mail: [email protected]).

Paolo Guidotti

© il filo, Idee e notizie dal Mugello, ottobre 1999
Cerca in questo sito gli argomenti sul Mugello che ti interessano powered by FreeFind
Copyright © 2006 - Best viewed with explorer - webmaster Stefano Saporiti contatti: [email protected], Tel. 333 3703408