Link alla Homepage
Menu

La copertina di questo mese
La copertina di questo mese
Articoli
Personaggi

Intervista al Presidente della Provincia di Firenze,

Michele Gesualdi, "ragazzo di Barbiana"

"Il mio don Lorenzo"

  • Michele Gesualdi, attuale Presidente della Provincia di Firenze, è tra i sei ragazzi che nel 1954 terminarono la scuola dell'obbligo, la quinta elementare, nella scuola statale, che a Barbiana si teneva nella stanza di una casa colonica affittata dal Provveditorato agli studi e trasformata in aula. Don Lorenzo Milani organizzò in canonica una scuola di avviamento e di lingua per questi sei ragazzi. La storia di don Milani a Barbiana inizia da qui, e Gesualdi dunque è stato testimone della prima ora, rimanendo custode di quest'eccezionale esperienza anche dopo la morte dei priore, nel 1967, curando tra l'altro alcuni importanti volumi, tra cui la prima raccolta delle lettere. In occasione dei trentennale della morte di don Lorenzo Milani gli abbiamo rivolto alcune domande.

Spesso sei apparso riluttante nel raccontare l'esperienza di Barbiana: perché?

Per tre motivi semplici. 1) Perché per molti don Lorenzo è di volta in volta: uomo interessante, pensatore, benefattore dei poveri, innovatore nella Chiesa, e via così cantando. Per me invece è soprattutto persona cara a cui sono legato da profondo affetto filiale. Appartiene cioè a quella sfera degli affetti e quindi vi è il rifiuto della curiosità che egli sentì piccola, invadente e irritante. 2) Perché don Lorenzo non va ridotto ad aneddoto da salotto. Lui era una di quelle persone che formava le coscienze, che rivendicava impegno e coerenza. Ed è molto più coerente al suo insegnamento fare che raccontare. Anche perché ciò che valeva lo ha detto con molti scritti, anche dopo la sua morte. Ed ancora perché i testimoni diretti di personaggi noti sono "bugiardi", sono portati cioè ad inventare episodi, a esaltare il personaggio, a idealizzarlo, ad ingigantire pregi e nascondere difetti e conseguentemente anche a falsarne la figura. 3) Perché uno deve essere se stesso, non si può vivere di luce riflessa, di etichette o di ricordi.

Chi è per te don Milani?

Confrontando la mia esperienza con le montagne di articoli, i libri, gli interventi sono giunto alla conclusione che molti, se non tutti, hanno cercato di costruirgli addosso un vestito che non era il suo, e che comunque gli andava stretto. Don Lorenzo era una di quelle figure talmente complesse, così proiettate nella ricerca continua della verità che era, ed è, difficile afferrarlo una volta per tutte.

Per me, anche se la cosa può sembrare scontata e banale, era un prete, un prete e basta, un prete che ha tentato di applicare il Vangelo senza compromessi ed alibi. Per capire don Lorenzo, le sue scelte, le sue battaglie occorre partire dalla scelta fondamentale che fece improvvisamente, a 20 anni, di servire Cristo e i suoi poveri, attraverso il sacerdozio, per salvare e salvarsi l'anima.

Eppure lo si rappresenta spesso come ribelle...

Ricordo cosa rispondeva all'amico senza Dio, ma attaccatissimo a don Lorenzo da quando insieme erano stati a colar rena in Marina: era ormai certo il suo allontanamento da San Donato e l'amico gli diceva: "Se io fossi in Lei andrei dal Vescovo e gli direi: tenga, questo è il collare, lo metta al cane", e lui rispondeva: "Ma io sono un cane, un cane ubbidiente al mio vescovo": don Lorenzo prete ubbidiente alla sua Chiesa e al suo vescovo. Si definiva il disubbidiente ubbidientissimo, perché appena arrivava l'ordine ubbidiva subito, e questo perché aveva bisogno della Chiesa, dei perdono dei peccati, dei sacramenti, di ciò che nessun altro poteva dargli e che per lui valeva infinitamente di più di ogni sua posizione o idea. In questo don Milani non è assolutamente assimilabile al dissenso post-conciliare.

Spesso si accusa Michele Gesualdi di aver fatto "cosa propria" di Barbiana, quasi di aver sequestrato i luoghi simbolo dell'esperienza milaniana. Cosa spieghi, come rispondi?

Non so se c'è chi fa codesta accusa. Se ci fossero sarebbero sicuramente milaniani dell'ultim'ora e comunque persone non rispettose di valori che non appartengono loro. Tra questi ci metto chi si è permesso di mettere in audiocassetta la voce di don Lorenzo, quella che lui regalava ai poveri per insegnare, e venderla senza pudori e senza arrossire. Ti immagini cosa ne avrebbero fatto questi di Barbiana, se le avessero messo le mani addosso? Ovviamente questo è un caso limite di insensibilità. Però talvolta anche gente diversa ha ipotizzato un uso mondano di Barbiana. Si tratta di persone che non hanno vissuto da protagonisti attivi la coerenza cui don Lorenzo ci ha chiamato e sono portati ad una visione diversa. Però a chi ha vissuto quell'esperienza non sfugge che se quella canonica non fosse rimasta, su precisa richiesta di don Lorenzo, ai suoi familiari e in primo luogo all'Eda, non si sarebbe conservata, e se si fosse conservata non avrebbe retto alle tentazione turistiche che antepongono interessi ben più volgari a quelli religiosi, morali e sociali, e Barbiana non sarebbe oggi quel luogo povero ed austero e quindi coerente all'esempio di vita di don Lorenzo. E' stato difficile reggere questa posizione: sarebbe stato molto più facile e forse anche gratificante se avessimo ceduto e trasformato Barbiana in un "mercato" nel tempio. Però oggi ne porteremmo il tormento.

Come non è stato facile stroncare sul nascere le tentazioni dei tanti anticlericali o cattolici tormentati che avrebbero voluto strumentalmente ridurre i luoghi di don Lorenzo in un salotto per chiacchiericci, confondendo l'offerta di eredità pastorale e spirituale di don Lorenzo con altre cose. Il nostro atteggiamento in questi 30 anni è stato tale che nessuno potrà mai dire che abbiamo fomentato il culto di don Lorenzo. Questo ci è costato incomprensioni e dispiaceri, ma è stato giusto far così, perché ciò selezionava tra chi era mosso da frivole curiosità e chi da necessità di preghiera e di riflessione. Questi ultimi non rivendicano strade asfaltate, lapidi commemorative, bar, rivendite di libri o ricordini o musei, per fare grandi prolusioni, magari piene di invettive contro la Chiesa che lui amava con passione ardente, ma fanno la salita di Barbiana senza timori di sporcarsi le scarpe, e si buttano in ginocchio a pregare nel cimitero ritornandosene via in silenzio. Noi vorremmo che Barbiana restasse così, senza visite guidate, vendite di brigidini, panini e cocacola, o luogo di bandiera per chi crede di aver capito tutto.

Non so se ci hai mai pensato: cosa direbbe oggi don Lorenzo al suo ragazzo, diventato presidente della Provincia?

In questi 30 anni sono sempre stato impegnato nel sociale. Fino al 1995 sindacalista della Cisl, per dieci anni segretario generale della Cisl fiorentina, oggi presidente della Provincia. Spesso in questo mio impegno mi è sembrato di sentire dietro le spalle, rigido e severo, don Lorenzo, a soffrire o a gioire per quello che stavo per fare o dire: a osservare per giudicare se il suo scolaro arricchiva il mondo con azioni giuste o se lo impoveriva, se invocava il bene o si piegava al male. Probabilmente mi avrebbe detto di restar sempre agganciato al popolo cui sono figlio, di guardare solo e sempre al suo interesse e che la politica deve essere l'anima e la speranza dei più deboli. Rischia sempre e non tacere mai per opportunismo, di fronte alle ingiustizie, "perché uscire insieme dai problemi -diceva- è la politica, uscirne da solo è egoismo". Nel sindacato non mi sono perso, spero di non perdermi nemmeno in politica. Ed in questo sono aiutato non solo da Barbiana, ma anche dall'esperienza sindacale che mi ha arricchito moltissimo e tutto sommato le ingiustizie che ho toccato con mano nella mia vita di sindacalista sono una garanzia per non smarrirsi e rafforzare il proprio impegno ed entusiasmo.

Intervista di Paolo Guidotti

© il filo, idee e notizie dal Mugello, agosto 1997

 Vedi anche

Intervista esclusiva a don Bensi Il film con Castellitto Le reazioni al film

Cerca in questo sito gli argomenti sul Mugello che ti interessano powered by FreeFind
Copyright © 2006 - Best viewed with explorer - webmaster Stefano Saporiti contatti: [email protected], Tel. 333 3703408