Link alla Homepage
Menu

La copertina di questo mese
La copertina di questo mese
Turismo cultura
I luoghi notevoli di Scarperia
 

I LUOGHI DI SCARPERIA


La Propositura di Scarperia. Foto di Massimo CertiniPropositura dei Santi Jacopo e Filippo

Di fronte al Palazzo dei Vicari sorge la Propositura dei SS. Jacopo e Filippo*** fondata dagli agostiniani nel 1325, del cui convento resta tuttora l’ampio chiostro trecentesco incorniciato da archi a tutto sesto sorretti da belle colonne in stile ionico con capi-telli compositi.  

La facciata di pietra, in stile neogotico, è arricchita da un baldacchino in pietra che sovrasta la porta di ingresso  e da un grande rosone vetrato.  Sulla destra sorge l’alto campanile con tre piani di monofore e la cella campanaria a bifore; sulla porta una lunetta gotica con terracotta in stile liberty e la scritta “Sicut Incentium”

All’interno, l’unica navata coperta a capriate e illuminata da sei alti finestroni, si conclude armoniosamente con tre archi a sesto acuto che contengono l’altar maggiore e altri due altari. Dietro l’altar maggiore troneggia un grande Crocifisso ligneo del XV secolo dai delicati colori, attribuito a Jacopo Sansovino, nella cappella di destra, il fonte battesimale è sormontato da un tondo marmoreo di delicata fattura attribuito a Benedetto da Maiano raffigurante la Vergine col Bambino, databile alla fine del 400 e racchiuso in una cornice in legno finemente intagliata e dorata.

Nella cappella di sinistra si trova un tabernacolo in marmo bianco per gli oli santi di pregevole fattura (XV sec.), la cui attribuzione è contesa fra Mino da Fiesole e Domenico Rosselli, e non viene escluso neppure il giovane Donatello.  Il Tondo di Benedetto da Maiano a Scarperia. Foto di Massimo CertiniNei monumentali vani incorniciati da colonne corinzie, che ospitavano gli altari laterali e databili fra il XVII ed il XVIII secolo,  rimangono  quattro grandi tele, l’Elemosina di S. Tommaso Villanova opera cinquecentesca ascritta a Mirabello Cavalori, allievo del Vasari, una bella Annunciazione proveniente dall’Oratorio della Madonna del Vivaio e due tele di Matteo Rosselli (XVII sec.): la Nascita della Vergine con i Santi Jacopo e Filippo e una Crocifissione con la Vergine e Santi (S. Giovanni, S. Carlo Borromeo e S. Francesco).

Sulla parete di destra si possono vedere i resti di affreschi quattrocenteschi nei quali si riconosce una Maddalena e di cui si rimpiange la modesta entità.

Sulla porta della sacrestia, il cui architrave reca incisa la data 1620, una testa di Angelo o di Santo in altorilievo.

 

(Regolarmente aperta al culto è visibile tutti i giorni. Tel. 055 846 046)

 

© Notizie tratte da il volume "Il Mugello" di Massimo Certini e Piero Salvadori (ed. Parigi & Oltre, Borgo San Lorenzo, 1999)
Cerca in questo sito gli argomenti sul Mugello che ti interessano powered by FreeFind
Copyright © 2006 - Best viewed with explorer - webmaster Stefano Saporiti contatti: info@ilfilo.net, Tel. 333 3703408